Trentasei escursioni spalmate nella settimana dall’1 al 9 settembre, lungo i sentieri del Carega, del Pasubio, del Monte Grappa e dell’Altopiano dei Sette Comuni, alle quali parteciperanno appassionati provenienti da tutta Italia.

Il programma per la 20a Settimana Nazionale dell’Escursionismo del Club alpino italiano che, per ricordare il centesimo anniversario della fine della Grande Guerra, si svolgerà dal primo al 9 settembre su Prealpi Vicentine e Piccole Dolomiti: luoghi ancor oggi fortemente contrassegnati da molteplici testimonianze storiche di trincee e di battaglie, che si mescolano alle bellezze naturalistiche e documentano un evento che ha segnato in maniera irreversibile il territorio.

Oltre alla Settimana, è in programma l’11° Raduno Nazionale di Cicloescursionismo (6-9 settembre), che prevede tre escursioni in mountain bike giornaliere (giro del Monte Verena, giro del Bivio Italia e, l’ultimo giorno, Forte Interrotto e Monte Mosciagh), alle quali parteciperanno circa 200 appassionati. Per finire, 800 escursionisti over 60 prenderanno parte al 2° Raduno Nazionale Seniores del 5 settembre, con quattro escursioni sul Monte Grappa.

L’inaugurazione è in programma sabato 1 settembre a Recoaro Terme (VI), con il Meeting Nazionale sulla Sentieristica alle ore 15 al Teatro Comunale, a cura della Struttura Operativa Sentieri e Cartografia, al quale parteciperanno il Presidente generale del CAI Vincenzo Torti e il Vicepresidente Antonio Montani.

Si parlerà di rilevi e di gestione di dati e informazioni sui sentieri per l’aggiornamento dell’archivio Infomont, in vista del progetto che intende rendere disponibili tali dati a tutti gli appassionati tramite l’applicazione per smartphone “GeoResQ”.

L’obiettivo è dare vita a uno strumento finalizzato non solo alla sicurezza e al soccorso dei frequentatori della montagna (come è GeoResQ oggi), ma anche a un contenitore di mappe e informazioni per supportare e guidare gli escursionisti. All’ordine del giorno inoltre gli aggiornamenti sull’andamento del progetto di risistemazione e rilancio del Sentiero Italia.

“Il nostro intento è quello di rendere sempre più la Settimana Nazionale dell’Escursionismo una sorta di stati generali di questa pratica all’interno del CAI”, afferma il Vicepresidente Antonio Montani. “Un momento in cui tutti i nostri volontari che si occupano di sentieristica e di escursionismo si incontrino per condividere esperienze e buone pratiche e per fare il punto della situazione sugli oltre 60.000 chilometri di sentieri gestiti dal Club alpino in tutta Italia”.

L’organizzazione degli eventi è curata dall’Associazione delle Sezioni Vicentine del CAI, il cui impegno per ospitare i tre eventi escursionistici nazionali del Sodalizio nei luoghi della Grande Guerra è stato accolto entusiasticamente dalla Commissione Centrale Escursionismo.