Tempo di lettura: 3 minuti

Cremona. Si avvia alla conclusione l’edizione del Monteverdi Festival, era partito dall’idea di accostare “oggetti” lontani, di capovolgere gli assiomi consueti, di sconfinare, di andare “oltre”, con curiosità e audacia. Con la certezza che il contrasto generi creatività e bellezza e che, alla fine, le tessere si ricompongano in un meraviglioso mosaico musicale.

Nella scia del percorso scelto non poteva mancare un finale per “andare oltre con audacia e curiosità”, il gran finale del festival si conclude sulle “desiate acque di Claudio Monteverdi” con una crociera sul Po, due giorni in programma per venerdì 31 maggio e sabato 1 giugno.

Il contrasto è il tema scelto quest’anno, unisce il presente al passato. Quella di oggi è l’epoca dei contrasti sociali, politici, economici, religiosi. Ma anche dei contrasti generazionali, culturali. Contrapposizioni vissute e “combattute” in modo sempre più aspro, violento, incolmabile.  Eppure, già a partire dalla grande letteratura medievale, il contrasto tra forze pari e opposte genera poesia.

Il contrasto emergerà dalle acque del grande fiume, che culleranno le note dei concerti in cartellone, mentre la motonave Stradivari si avvierà prima verso Mantova e poi a Venezia.

Il programma:

venerdì 31 maggio ore 9.00 – Partenza da Cremona ed imbarco sulla Motonave Stradivari (è previsto un transfer da Porta Venezia – Cremona – all’imbarco).

ore 11.00 – Concerto a bordo- Motonave Stradivari. Armonie Fluttuanti. Musiche di F. Geminiani, G. B. Platti, A. Veracini, Ensemble il Furibondo. Un programma che esalta le caratteristiche più estreme dello strumentalismo barocco italiano e d’oltralpe, da Geminiani (detto il Furibondo) a Boismortier, ma che si spinge verso i lidi composti e cristallini di un Platti rococò. Sulle placide acque del Po, il trio d’archi Il Furibondo si cimenta tra virtuosismo e semplicità, in un’esplosione di energia e contrasti dinamici. –  Aperitivo e pranzo a bordo

ore 15.oo  – Sbarco a Boretto Po e transfer in bus a Sacchetta. Successivo imbarco a bordo della Motonave Andes 2000. Navigazione di un tratto del Po verso Mantova. Si risale il fiume Mincio, tra salici piangenti e argentati, passando per Andes (oggi Pietole, luogo natale di Virgilio) e la Vallazza, nota per le ninfee. – Arrivo a Mantova e sbarco a due passi dal Palazzo Ducale.

ore 19.15 – Teatro Bibiena, Mantova, in collaborazione con Trame Sonore, Estri Armonici. Concerti di Antonio Vivaldi, Ensemble Felice dall’Abaco. Il giovante ensemble costituitosi nell’ambito del Conservatorio di Verona dà vita ad un vivace programma interamente dedicato ai concerti per più strumenti di Antonio Vivaldi, attraversando un’ampia gamma di espressioni e stilemi, virtuosismi mozzafiato e dolcissime melodie. – serata libera e successivo transfer in hotel per il pernottamento.

sabato 1 giugno  ore 8.00 – Partenza da Mantova con pullman riservati per Venezia.

ore 10.00 – Arrivo a Fusina (Venezia) ed imbarco sulla Motonave Delta Tour. Colazione di benvenuto a bordo e navigazione sino all’Isola di San Giorgio. Tutti i passeggeri saranno dotati di whisper per permettere la visita dell’isola con guide specializzate. In navigazione nella laguna veneta verrà servito l’aperitivo e il pranzo con menù di pesce secondo tradizionali ricette venete.

ore 15.00 – Visita dell’Isola di San Servolo, antico centro religioso trasformato poi in manicomio ed oggi sede universitaria.

ore 16.00 – Auditorium Isola San Servolo, Venezia, In Festa Medievale, canti sacri e profani tra ragione e follia, Micrologus. Un intrigante viaggio nel mondo medievale della festa, tra ragione (inteso quale retto comportamento) e la follia (la Festa dei Folli) attraverso la sua più alta espressione poetico-musicale, in lingua latina. Dai canti di devozione della Vergine Maria, traditi dal Llibre Vermell, in cui la gioia si trasforma in danza collettiva, ai Carmina Burana e la Festa dell’Asino di Pierre de Corbeil di inizio Duecento, in cui l’ordine della Chiesa veniva rovesciato e parodiato in musica con folle irriverenza.

A seguire, transfer e sbarco a Venezia (Zattere), passeggiata in Venezia con guide specializzate. Tempo libero per visite individuali. ore 21.00 – Imbarco a Zattere e navigazione per Fusina. ore 21.30 – Arrivo a Fusina e rientro a Cremona con pullman riservati. ore 24.00 – Arrivo previsto a Cremona con due fermate a Porta Venezia e Largo Marinai d’Italia.

 

CONDIVIDI
Valerio Gardoni
Giornalista, fotoreporter, inviato, nato a Orzinuovi, Brescia, oggi vive in un cascinale in riva al fiume Oglio. Guida fluviale, istruttore e formatore di canoa, alpinista, viaggia a piedi, in bicicletta, in canoa o kayak. Ha partecipato a molte spedizioni internazionali discendendo fiumi nei cinque continenti. La fotografia è il “suo” mezzo per cogliere la misteriosa essenza della vita. Collabora con Operazione Mato Grosso, Mountain Wilderness, Emergency, AAZ Zanskar.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Esegui l'operazione aritmetica prima di inviare *