Tempo di lettura: 3 minuti

Mantova – Ferrara. Sedersi in un kayak o in una canoa canadese, sul fiume, è come essere partecipi di qualcosa di vivo, scivolare nella natura, nei suoi silenzi, vedere paesaggi insoliti, angoli meravigliosi. Vivere da protagonisti storia e cultura cresciuti lungo le sue ripe. Travolti dall’armonia del fiume, nella lentezza dello scorrere delle acque, per vivere momenti di tranquillità e sintonia con quello che ci circonda e ”scorre accanto a noi”.

È con questa filosofia che il Consorzio Oltrepò Mantovano organizza la “Prima regata non competitiva Mantova-Ferrara”, dal 1 al 3 settembre, 100 chilometri di fiume da farsi a remi diviso in tre tappe. Un’iniziativa sportiva che tocca tanti aspetti, oltre a quello sportivo, come quello ecologico, turistico e storico-culturale. La discesa avrà una durata di tre giorni con due tappe intermedie e sarà aperta a tutti i tipi di imbarcazioni a remi. Si potrà iscriversi a una o a tutte le giornate.

Il percorso interessato dall’evento è caratterizzato da tre tappe:

1 Settembre Primo segmento: dal lago inferiore di Mantova a Revere-Ostiglia (circa 35 Km).

2 Settembre Secondo segmento: da Revere-Ostiglia a Sermide-Felonica (circa 30 Km);

3 Settembre  Terzo ed ultimo segmenti: da Sermide-Felonica alla conca di Pontelagoscuro e alla darsena di San Paolo di Ferrara attraverso il Canale Boicelli (circa 35 Km)

I due pernottamenti sono previsti, il primo sulle rive di Revere ed Ostiglia, mentre il secondo nelle aree attrezzate delle golene presso le realtà nautiche di Sermide e Felonica. Si prevedono i pernottamenti in aree predisposte a campeggio, per chi sarà munito dell’attrezzatura. Saranno inoltre previste possibili sistemazioni in strutture comunali, come nelle palestre dei comuni ospitanti, in tal caso i partecipanti dovranno comunque avere un’attrezzatura propria, quale materassino e sacco a pelo.

Agli accompagnatori dei partecipanti vengono offerte le medesime opportunità di pernottamento, sia per i partecipanti che per gli accompagnatori è richiesta la prenotazione come da regolamento che seguirà in tempi successivi.

L’iniziativa ha una evidente importanza quale occasione di praticare sport non agonistico all’aria aperta e questo evento si contraddistingue per un particolare valore storico, in quanto con il suo svolgimento permette di unire due città, Mantova, che è affacciata sui laghi interni che la circondano fin dal XII° secolo, e Ferrara che è affacciata lungo via ripagrande sul fiume Po.

Queste città per secoli ebbero legami tra loro specialmente in epoca rinascimentale, sia per la vicinanza, che per le comodità dei collegamenti lungo le vie d’acqua, le quali hanno sempre rappresentato nel passato il modo più comodo di viaggiare e di trasportare le merci.sul Po

Dal punto di vista ecologico, la frequentazione del fiume, stimola la sensibilità alla natura quindi il rispetto e aiuta a contrastare il degrado. Chi naviga su un fiume, infatti, effettua anche inconsapevolmente un servizio di pubblica utilità attraverso il monitoraggio periodico, ma continuo del corso d’acqua.

Difficilmente al fruitore del fiume sfuggono fenomeni come l’erosione delle sponde, gli eventuali disboscamento illegali, l’immissione di sostanze inquinanti, i prelievi illegali d’acqua, la moria di pesci e quant’altro. Queste sono tutte criticità che un monitoraggio tradizionale attuerebbe con molta difficoltà, anche per la scarsità di risorse economiche ed umane.

Sotto l’aspetto turistico, l’evento mira a valorizzare un territorio ricco di elementi storico-artistici e culturali come i monumenti, le chiese e i musei ed enogastronomici come i prodotti tipici locali di qualità.

Le tre giornate della discesa a remi non competitiva da Mantova a Ferrara sono una splendida occasione per conoscere il territorio; la Cooperativa CampaPo di Pieve di Coriano si sta occupando dell’organizzazione operativa dell’evento per conto del Consorzio Oltrepò Mantovano.

Vi saranno servizi di navetta per gli spostamenti dei canoisti e per permettere agli accompagnatori di visitare il territorio grazie ai pacchetti turistici che CampaPo intende proporre oltre alla possibilità di accompagnare i canoisti dalla sommità arginale con il noleggio gratuito delle biciclette della flotta dell’Oltrepò Mantovano.

L’iscrizione e info sul sito web dell’evento www.discesaremifiumepo.eu 

CONDIVIDI
Valerio Gardoni
Giornalista, fotoreporter, inviato, nato a Orzinuovi, Brescia, oggi vive in un cascinale in riva al fiume Oglio. Guida fluviale, istruttore e formatore di canoa, alpinista, viaggia a piedi, in bicicletta, in canoa o kayak. Ha partecipato a molte spedizioni internazionali discendendo fiumi nei cinque continenti. La fotografia è il “suo” mezzo per cogliere la misteriosa essenza della vita. Collabora con Operazione Mato Grosso, Mountain Wilderness, Emergency, AAZ Zanskar.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Esegui l'operazione aritmetica prima di inviare *