Tempo di lettura: 2 minuti

Brescia. Giustizia e solidarietà internazionale è il titolo per la giornata del 29 maggio, quando ricorre il venticinquesimo anniversario dalla Strage di Gornij Vakuf, nella quale vennero uccisi tre operatori di pace italiani, Sergio Lana, Guido Puletti e Fabio Moreni.

Facevano parte di una missione umanitari alla popolazione di Zavidovici in Bosnia Centrale e cercava di aprire un corridoio umanitario per portare in Italia 67 persone, donne e bambini vittime del conflitto. I tre volontari furono barbaramente assassinati da uomini appartenenti alla banda del paramilitare Hanefija Prijic, meglio noto come “Comandante Paraga”, per mezzo di un’azione ancora oggi dai contorni non del tutto chiariti.

Il 9 Maggio 2018 la Corte di Cassazione ha confermato la condanna in via definitiva a vent’anni di reclusione per Prijic.

Il programma:

Martedì 29 Maggio alle ore 10 presso l’Istituto “Piero Sraffa” con sede di Via Valotti, 2 Biblioteca del Villaggio Prealpino: Gornji Vakuf 25 anni dopo, Letture a cura dei bibliotecari sul tema delle guerre balcaniche e della strage. Iniziativa interna all’istituto.

29 Maggio alle ore 16.30 il Comune di Brescia, la Casa della Memoria e ADL a Zavidovici a Palazzo Loggia, Sala dei Giudici, Emilio Del Bono Sindaco di Brescia, Mimmo Lombezzi già curatore di “Storie di Confine” (Rete 4) presenterà il filmato: “I fantasmi di Sebrenica”.

Interverranno: Gianluigi Fondra Assessore alla sostenibilità ambientale del Comune di Brescia Alessandro Brizzi e Lorenzo Trucco avvocati di parte civile nel processo a Paraga Agostino Zanotti Associazione ADL Zavidovici ONLUS. Andrea Paco Mariani e Nicola Zambelli Associazione SMK presenteranno un estratto video sulla storia della solidarietà bresciana in Bosnia Centrale.

CONDIVIDI
Valerio Gardoni
Giornalista, fotoreporter, inviato, nato a Orzinuovi, Brescia, oggi vive in un cascinale in riva al fiume Oglio. Guida fluviale, istruttore e formatore di canoa, alpinista, viaggia a piedi, in bicicletta, in canoa o kayak. Ha partecipato a molte spedizioni internazionali discendendo fiumi nei cinque continenti. La fotografia è il “suo” mezzo per cogliere la misteriosa essenza della vita. Collabora con Operazione Mato Grosso, Mountain Wilderness, Emergency, AAZ Zanskar.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Esegui l'operazione aritmetica prima di inviare *