Anche il Summerlife2020, organizzato dall’Unità Pastorale Cafarnao, si avvia alla conclusione con la proposta, nei limiti previsti per il Covid-19, di una serata di chiusura organizzata sabato 25 luglio presso l’Oratorio “la Rocca” di Vescovato. Un momento da trascorrere assieme all’insegna del buon gusto e dell’allegria, vivacizzata da uno spettacolo di animazione. Alle ore 20 è prevista la cena, a base di grigliata mista con polenta e patatine.

Per motivi organizzativi, l’iniziativa Summerlife2020, che si volge qui a conculsione, si è svolta presso gli Oratori di Vescovato e Pescarolo e dal quale diamo una sintesi.

Il covid-19 ha condizionato la partenza, un po’ timorosa. Poi la situazione si è lentamente sbloccata, arrivando ad una partecipazione di bambini provenienti anche dal comune di Gabbioneta Binanuova, raggiungendo un totale di trenta giovani che hanno frequentato l’iniziativa, come previsto ogni mattina nella fascia oraria dalle 9 alle 12. Tutto è stato possibile nell’ampio cortile che permetteva di mantenere le distanze di legge, e anche soprattutto grazie ai volontari di G.S. Pro Loco e AVIS che, oltre a mettere a disposizione appositi gazebi, hanno provveduto anche al montaggio degli stessi.

Certamente di estrema importanza il lavoro fatto dal collaboratore Pasquale che ha dato, con la sua presenza, un importante punto di riferimento che, ogni mattina, accoglieva i bambini per la misurazione della temperatura corporea. per il momento di apertura della giornata si sono alternati di Don Thomas o Don Attilio, mentre tutto il resto è stato gestito da Pasquale che, in merito, ringrazia per la fattiva collaborazione gli educatori (maggiorenni) e animatori (tutti di Pescarolo). Tra i primi Luca Scaini, Agostino Tonarelli e, rientranti nella collaborazione data dal comune per l’infanzia, Marta Galanti e Giada Donini. Tra i secondi, Elisa e Maddalena Medola, Federico Bodini, Elisa Bassi, Elia Venturini, Marco Salibra e Amin.

Si chiude così un periodo di cinque settimane che ha visto tutti gli addetti attivamente impegnati nelle attività programmate per la giornata, in Oratorio, oltre alle uscite a “Le vele”, a Monte Isola e, grazie anche alla disponibilità dello scuolabus, al parco divertimenti a Vescovato.

Siamo riusciti, dicono i responsabili, ad organizzare due intrattenimenti serali e, tra questi, unici nella Diocesi, lo spettacolo con il mago Beru. Tutto è andato bene e si è svolto anche nel migliore dei modi, favorito certamente da un affollamento non eccessivo, dando vita ad un esperienza quindi certamente positiva che ha visto anche il coinvolgimento di nuove leve, con l’auspicio che anche queste possano contribuire a dare continuità alla vita del nostro Oratorio.

In merito va detto che è ripresa, grazie alle volontarie che, quotidianamente si sono rese disponibili per la pulizia e sanificazione dei locali, anche l’apertura serale. Tra i ringraziamenti finali un grazie al Comune e alla Diocesi che ha finanziato alcune voci dell’iniziativa e tra queste, la più impegnativa: il piano Anticovid.