Tempo di lettura: 3 minuti

Castelnovo ne’ Monti (Reggio Emilia) – Torna il binomio vincente tra la Musica e l’Appennino grazie al Festival “SuonaRErock” ideato da Gigi Cavalli Cocchi e da “Lindipendente” con il patrocinio della Provincia di Reggio Emilia e del Comune di Castelnovo ne’ Monti. Dopo aver richiamato più diecimila persone negli anni precedenti, sabato 16 luglio andrà di scena la quarta edizione sempre ai piedi della Pietra di Bismantova, e vedrà come protagonisti alcuni tra i più bravi artisti del territorio: Lassociazione, Massimo Zamboni con Angela Baraldi e gli Ustmamò.

Si tratta di un’importante iniziativa di promozione del  territorio perché ad un evento musicale di qualità si accompagna la bellezza dell’Appennino reggiano, a partire dalla suggestiva cornice del Festival rappresentata dalla Pietra di Bismantova, una montagna piatta alta 1041 mt, che si presenta come uno stretto altopiano dalle pareti scoscese, che si staglia isolato tra le montagne appenniniche.

La filosofia di “SuonaRErock” è quella di usare la musica come strumento catalizzante capace di coniugare cultura artistica con cultura del territorio, e vuole rappresentare un motivo di attrazione per far conoscere le bellezze naturali della Pietra di Bismantova ad un pubblico non solo locale.

Programma

  • Ore 18.30 – Apertra ingresso all’area concerto
  • Ore 20.30 – Ustmamò
  • Ore 21.30 – Massimo Zamboni e Angela Baraldi
  • Ore 22.45 – Lassociazione

In caso di maltempo il concerto si terrà al Teatro Bismantova di Castelnovo Monti.

—————————————————————————————————————————–

SuonarERockI Protagonisti del Festival

Ustmamo. Alla Pietra suoneranno il loro ultimo album “Duty Free Rockets”, un disco che, nota dopo nota, fa emergere l’urgenza , la voglia e il senso di libertà che caratterizza un’espressione artistica autentica. Nati alla “corte” di Giovanni Lindo Ferrretti e Massimo Zamboni (Cccp-Csi) gli Ustmamo hanno rappresentato la punta di diamante della musica indipendente italiana degli anni Ottanta e Novanta. Ritornati con un nuovo progetto, il loro suono oggi lo si può collocare nel blues psichedelico.

Massimo Zamboni e Angela Baraldi. Guru del punk e alternative rock prima con i Cccp, poi con i Csi e alla fine con la propria produzione, Massimo Zamboni è musicista e scrittore. Ha disegnato i confini di come si può essere artista e uomo coerente in un universo (quello dell’industria discografica) nel quale la tendenza è la rincorsa della moda del momento. In questa fase del suo percorso è affiancato dalla poliedrica figura di Angela Baraldi – cantante, autrice e attrice – in uno spettacolo che racconta più di trent’anni di carriera di Zamboni.

Lassociazione. E’ un gruppo folk-rock frutto della collaborazione tra Marco Mattia Cilloni, Giorgio Riccardo Galassi e Gigi Cavalli Cocchi. Nato nell’Appennino reggiano, fin dal suo esordio il gruppo ha fatto breccia nel cuore di un folto pubblico che si è riconosciuto nelle canzoni dove si parla di gente e storie che testimoniano la cultura e i valori della propria terra. Dal 2009 ad oggi sono stati pubblicati tre album e unCD+DVD registrato dal vivo, ricorrendo e riscoprendo spesso e volentieri la lingua dialettale. Ricorrenti nei contenuti il bisogno della ricerca di un rapporto più rispettoso con la natura ed i suoi elementi, esseri umani compresi. Nel 2015 sono stati testimonial come rappresentanti del patrimonio artistico-culturale del territorio al conseguimento dell’ingresso dell’Appennino Tosco-Emiliano nella rete MaB Unesco.
Lassociazione è stata scelta per rappresentare l’Emilia Romagna ad Expo 2015, suonando al Padiglione Italia nella settimana dedicata alla Regione Emilia-Romagna.