Tempo di lettura: 2 minuti

Cremona. Per il terzo anno l’Ordine degli Psicologi della Lombardia dedica due giornate al teatro come strumento di conoscenza di sé e di potenziamento delle capacità sociali e relazionali, in occasione della Giornata Mondiale del Teatro che cade il 27 marzo.

Il teatro è uno sguardo sulla realtà che ci aiuta nella nostra vita quotidiana? Questa è la domanda a cui risponderanno le realtà che saranno presenti in questa giornata in programma il 26 e 27 marzo al teatro Monteverdi. La Giornata Mondiale del Teatro restituisce la poliedricità di utilizzo del teatro attraverso la testimonianza di chi lo vive. I relatori narreranno la loro attività con brevi spettacoli, video o racconti.

Il programma delle due giornate prevede laboratori, performance teatrali, spettacoli e aperitivi. Al centro i laboratori teatrali aperti alla cittadinanza, uno spazio privilegiato di sperimentazione in cui, attraverso le tecniche teatrali, risulta possibile restituire significato alle attività che svolgiamo nel quotidiano.

Questo avviene attraverso l’attivazione del nostro corpo, che spesso usiamo in modo inconsapevole; di sensazioni che attivano un processo di cambiamento in una consapevolezza di noi; attraverso l’incontro con l’altro da noi, che si trasforma in “azione di senso”, lasciandoci una traccia in un’emozione. Saranno 4 i conduttori dell’esperienza di Laboratorio Teatrale che guideranno i partecipanti in una esperienza attraverso diverse tecniche teatrali e corporee.

Il programma:

Martedì 26 marzo 18:30 – 20:00  Aspettando la Giornata Mondiale del Teatro – Laboratorio teatrale condotto da: Carla Coletti, Barbara Pizzetti, Caterina Gozzoli, Aldo Zambelloni, Casa Circondariale di Verziano di Brescia, Cooperativa sociale Dolce, Studio Creattiva.
20:30 Spettacolo Istituto Comprensivo “Diotti”di Casalmaggiore (CR)
21:30 Spettacolo Liceo Classico e Linguistico Statale “Daniele Manin” – Dormire forse sognare

Mercoledì 27 marzo alle 17 Esperienze e performance teatrali –prima parte. Aperitivo con gli attori. Alle ore 21 Esperienze e performance teatrali –seconda parte.

CONDIVIDI
Valerio Gardoni
Giornalista, fotoreporter, inviato, nato a Orzinuovi, Brescia, oggi vive in un cascinale in riva al fiume Oglio. Guida fluviale, istruttore e formatore di canoa, alpinista, viaggia a piedi, in bicicletta, in canoa o kayak. Ha partecipato a molte spedizioni internazionali discendendo fiumi nei cinque continenti. La fotografia è il “suo” mezzo per cogliere la misteriosa essenza della vita. Collabora con Operazione Mato Grosso, Mountain Wilderness, Emergency, AAZ Zanskar.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Esegui l'operazione aritmetica prima di inviare *