Tempo di lettura: 2 minuti

Padernello (Brescia) -La rassegna si apre venerdì 10 marzo, in occasione della festa delle donne, con Polvere, che vedrà sul palco Marzia Gallo per la regia di Michele Segreto.

L’opera è una trasposizione teatrale liberamente tratta dal libro di Beatrice Masini Se è una bambina: uno scenario bellico viene trasfigurato attraverso il ricordo di una bimba separata dalla madre. Un evento drammatico separa una madre e una bambina. Un evento che impossibile da nominare, impossibile da capire, e quindi mascherato, nel ricordo di una bambina che non sa (ancora) accettare la realtà. Bombardamento, guerra. Un dolore talmente universale e intimo che poco importa sapere di quale guerra si tratti; poco importa datarne il periodo, precisarne il luogo, stabilirne i confini.

Venerdì 17 sarà il turno di Le buone maniere – I fatti della Uno Bianca, un testo di Michele De Vito con la regia e la recitazione di Michele di Giacomo. Attraverso una rievocazione dei tragici reati commessi dalla banda della Uno bianca, lo spettacolo invita ad una riflessione sulle debolezze, le fragilità e le contraddizioni dell’animo umano.

Venerdì 24 andrà invece in scena Sotto un ponte, lungo un fiume, di Luigi Lunardi, con Andrea Albertini, Rosanna Pedrinelli e Pino Navarretta, regia di Bruno Fusca. La pièce affronta un tema estremamente attuale e alienante: la corsa verso il progresso e il successo a tutti i costi.

La rassegna si chiuderà il 31 marzo con l’opera Viale dei Castagni, 16, con testo, coreografia e costumi ideati da Pieradolfo Ciulli e Olimpia Fortuni. La performance fa parte del Circuito Spettacoli dal Vivo di Regione Lombardia. Lo spettacolo nasce dal tentativo di rispondere ad una domanda che ci riguarda tutti, personalmente: “Perché si è sempre molto sensibili quando si tratta di noi e cinici e spietati quando si tratta dell’altro?”

Per l’edizione 2017 di “Teatro di primavera” la Fondazione Castello di Padernello ha pensato anche alle famiglie: mentre gli adulti assistono allo spettacolo i più piccoli (dai cinque anni in su) potranno partecipare ad un laboratorio ludico didattico curato da Silvia Moretti – operatrice museale laureata presso l’Accademia di Belle Arti di Brescia Santa Giulia – che sarà centrato sulla narrativa teatrale, la costruzione dei personaggi e l’allestimento delle scenografie. La partecipazione è su prenotazione e il costo per ciascun bambino/a è di € 3,00.

CONDIVIDI
Laura Simoncelli
Dopo il diploma di liceo scientifico, si laurea all’Univeristà Cattolica di Brescia nel 2004 in Lettere e Filosofia. Collabora con Fondazione Civiltà Bresciana e Bresciaoggi con stesura di articoli sportivi, cronaca e tempo libero. Dal 2004 al 2017 fa parte della redazione di popolis. E’ docente di italiano e storia presso le scuole medie e superiori

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Esegui l'operazione aritmetica prima di inviare *