Tempo di lettura: 2 minuti

Ferrara. Uno spettacolo che diviene un “gioco” partecipativo basato sulla collaborazione del pubblico, chiamato a scrivere un proprio ricordo su un biglietto consegnato all’ingresso, quello in scena sabato 24 novembre alle ore 21a Ferrara Off.

Sul palcoscenico ‘A.R.E.M. Agenzia Recupero Eventi Mancanti’ con Elena Dragonetti, Francesca Farcomeni, Noemi Parroni, Elena Vanni, una produzione della Compagnia Elena Vanni, vincitrice del Bando Cariplo per la creatività giovanile 2011.

Uno spettacolo di drammaturgia e regia in tempo reale, che mette in scena, ogni sera in modo diverso, i ricordi più preziosi degli spettatori, raccolti prima di entrare in sala.

Gli spettatori, senza essere coinvolti direttamente, diventano così protagonisti e co-drammaturghi. Si ride, ci si commuove, ci si sorprende davanti ad attimi di vita già vissuti, riletti e rivisti in un modo nuovo.

Gli spettatori sono al centro della costruzione scenica; desiderando e a volte temendo il momento in cui il proprio ricordo sarà scelto, rivedono parti di sé, scoprono, nell’infinita originalità dei vissuti altrui, l’universalità di bisogni e di semplici emozioni fondamentali.

Domenica 25 novembre alle 17.30 invece, torna a Ferrara Off Giacomo Cossio che, in occasione della mostra ‘Courbet e la natura’ presso Palazzo dei Diamanti, dedica questo secondo incontro con il pubblico a Paul Cézanne e alla profonda influenza che i lavori di Courbet hanno avuto sulle opere di questo artista.

Quadri come ‘La Valle della Loue con cielo in tempesta’ del 1870, infatti, sono stati di ispirazione per il lavoro di Paul Cézanne, che dal suo isolamento provenzale trae forza e visione per costruire le basi di un’arte nuova e rivoluzionaria. L’appuntamento, con ingresso a offerta libera, è patrocinato da Ferrara Arte.

CONDIVIDI
Valerio Gardoni
Giornalista, fotoreporter, inviato, nato a Orzinuovi, Brescia, oggi vive in un cascinale in riva al fiume Oglio. Guida fluviale, istruttore e formatore di canoa, alpinista, viaggia a piedi, in bicicletta, in canoa o kayak. Ha partecipato a molte spedizioni internazionali discendendo fiumi nei cinque continenti. La fotografia è il “suo” mezzo per cogliere la misteriosa essenza della vita. Collabora con Operazione Mato Grosso, Mountain Wilderness, Emergency, AAZ Zanskar.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Esegui l'operazione aritmetica prima di inviare *