Tempo di lettura: 2 minuti

Robecco d’Oglio, Cremona. Un doppio appuntamento teatrale sul palcoscenico estivo nella cornice del parco di Villa Barni a Robecco, in occasione della rassegna teatrale “Muse d’estate” organizzata dall’Associazione per il teatro “Le Muse” di Pontevico.

Venerdì 16 Giugno alle ore 21.15, la compagnia SentiChiParla, metterà in scena lo spettacolo brillante “C’eravamo tanto amati?”, scritto da Chiara Tambani e interpretato da Chiara Tambani, Morena Mazzini e Ivano Zambelli.

Si tratta di una spassosa parodia dei grandi amori narrati nella letteratura italiana. Le protagoniste sono quattro grandi donne della nostra letteratura che, finalmente libere di parlare, ci raccontano la loro versione di questi “grandi amori” tanto decantati dagli scrittori… uomini! Scopriremo così che a Beatrice, amata da Dante, sta un po’ stretta l’etichetta di “tanto gentile e tanto onesta”, che Francesca da Rimini non si trova così male all’inferno e vedremo la Monaca di Monza intenta a risolvere una crisi coniugale tra Renzo e Lucia. Uno spettacolo ironico, divertente e ricco sorprese.

Secondo appuntamento della rassegna in cartellone per venerdì 23 Giugno con la compagnia “Primadonne” che metterà in scena lo spettacolo brillante “Senti chi parla”. Sul palcoscenico Leslie ed Andrew, un’affiatata coppia di mezza età della buona borghesia inglese, hanno vissuto, separatamente, una serata allegra in compagnia di partner di scarsa importanza e, complice l’alcol, già dimenticati. Ma questi compagni d’avventura si presentano una domenica mattina nella casa di campagna dei coniugi creando scompiglio nella monotona tranquillità della coppia. Tradimento? Bugie? Malintesi? Equivoci? Verità dimenticata?

L’ingresso degli spettacoli è gratuito

CONDIVIDI
Valerio Gardoni
Giornalista, fotoreporter, inviato, nato a Orzinuovi, Brescia, oggi vive in un cascinale in riva al fiume Oglio. Guida fluviale, istruttore e formatore di canoa, alpinista, viaggia a piedi, in bicicletta, in canoa o kayak. Ha partecipato a molte spedizioni internazionali discendendo fiumi nei cinque continenti. La fotografia è il “suo” mezzo per cogliere la misteriosa essenza della vita. Collabora con Operazione Mato Grosso, Mountain Wilderness, Emergency, AAZ Zanskar.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Esegui l'operazione aritmetica prima di inviare *