Tempo di lettura: < 1 minuto

Vuoi frequentare un corso universitario ma non hai le risorse necessarie? Oppure non vuoi pesare sulle spalle della tua famiglia? Nessun problema.

C’è una start up che potrà sostenerti nel percorso di studi e nella fatica di reperire le risorse finanziarie necessarie. Le spese per l’università non graveranno più solo sui risparmi della tua famiglie.

Se sei bravo potrai finanziare i tuoi studi con il sostegno di qualcuno che punta sulla tua crescita quando ancora tutto è incerto. E se tutto andrà bene, quando avrai finito di studiare, dovrai solo condividere una parte delle tue nuove entrate con chi ha reso possibile la tua istruzione. Praticamente restituirai il prestito.

L’idea di Pier Giorgio Bianchi e dell’amico Paolo Laddomada – che ha fatto nascere la start up Talents Adventure – sembra funzionare grazie a un algoritmo che riesce a calcolare il potenziale degli studenti in termini di futuro reddito lavorativo.

Un algoritmo che poi assegna loro un valore e fa leva su quel valore per convincere le banche a scommettere sui ragazzi concedendo prestiti che servono proprio a pagare le tasse universitarie. Di rimborso se ne parlerà a studi completati.

Assieme al misterioso (per noi) algoritmo, Pier Giorgio e Paolo mettono in campo la loro conoscenza del mercato del lavoro segnalando i percorsi formativi più richiesti dalle imprese e una sorta di club esclusivo di talenti con eventi formativi, incontri con professionisti e tanto networking.