Cremona. L’iniziativa “Tenga il resto”, contro lo spreco alimentare, organizzata dal Comune di Cremona, in collaborazione con il CiAl – Consorzio Nazionale per il Recupero e il Riciclo degli Imballaggi in Alluminio, ha colpito nel segno ed è stata apprezzata dai cremonesi. In questi giorni gli addetti del Servizio Ecologia stanno effettuando la seconda consegna delle vaschette in alluminio che consentono di portare a casa il pasto non consumato ai ristoranti cittadini aderenti al progetto.

“La collaborazione dei ristoratori in questa iniziativa è stata molto numerosa ed entusiasta. Tutti i 22 ristoranti si sono impegnati in questo progetto con un’importante sinergia con il Comune nell’ottica dell’economia circolare – dichiara l’Assessore all’Ambiente Alessia Manfredini – L’obiettivo è di contenere concretamente lo spreco di cibo, un tema di grande attualità che deve conciliare la solidarietà con la sostenibilità”.

Nel mondo una persona su 8 soffre la fame, 2 miliardi di persone sono malnutrite mentre un terzo del cibo prodotto, pari a 1,3 miliardi di tonnellate viene sprecato. I costi ambientali associati allo spreco corrispondono a circa 250.000 miliardi di litri d’acqua, 1,4 miliardi di ettari di terra e sono responsabili per l’emissione in atmosfera di circa 3,3 miliardi di tonnellate di Co2.

Le iniziali 100.000 vaschette in alluminio erano state equamente suddivise per ognuno dei ristoranti aderenti all’iniziativa e, successivamente, è stata consegnata a febbraio una prima fornitura da 1000 pezzi. Ora viene effettuata una seconda dotazione, sempre da 1000 pezzi per ciascun ristorante.

Dotate di apposita copertura personalizzata con i loghi dei partner della campagna, le vaschette consentono ai clienti dei ristoranti di portare a casa il pasto non consumato durante il pranzo o la cena. L’alluminio è un materiale riciclabile infinite volte e, in più, la vaschetta in alluminio è l’imballaggio perfetto per contenere il cibo che avanza, per la sua resistenza, per la malleabilità e per la praticità che la contraddistingue, conservando inoltre i cibi alla loro temperatura ideale.

Il Comune di Cremona si è impegnato nella realizzazione di quest’iniziativa collaborando con il CiAl e con i rappresentanti delle Associazioni che fanno parte del DUC (Distretto Urbano del Commercio), continuando così le azioni per la prevenzione, riduzione e recupero dei rifiuti previste dalla linee guida approvate dal consiglio comunale a marzo 2015.