Tempo di lettura: 2 minuti

Cremona. L’esempio di fede e di giustizia secondo papa Francesco e mons. Oscar Romero al centro del seminario di sabato 12 marzo, presso il Centro Pastorale in via S. Antonio del Fuoco a Cremona alle ore 15,30. Aperto a tutta la cittadinanza l’incontro si focalizza sulle figure di due uomini che molto hanno in comune, oltre la fede, un percorso al fianco dei popoli dell’America Latina con un profondo senso di giustizia.

La prospettiva di un mondo di pace e di giustizia esige che creiamo nuove forme di partecipazione che includano i movimenti popolari e animino le strutture di governo locali, nazionali e internazionali con quel torrente di energia morale che nasce dal coinvolgimento degli esclusi nella costruzione del destino comune. E ciò con animo costruttivo, senza risentimento, con amore” Le parole di papa Francesco all’incontro mondiale dei movimenti popolari, ottobre 2014.romero

Si affiancano a quelle pronunciate da mons. Romero poco prima del suo assassinio:Uno non deve mai amarsi al punto da evitare ogni possibile rischio di morte che la storia gli pone davanti. Chi cerca in tutti i modi di evitare un simile pericolo, ha già perso la propria vita” 

Era marzo del 1980 quando un sicario mandato dal regime mise a tacere la voce di Monsignor Romero, con due colpi inferti mentre celebrava la massa e alzava l’eucarestia. Nell’omelia aveva appena denunciato l’orrore del governo d’allora che mandava i bambini nei campi minati per aggiornare le mappe. Nel periodo più buio della dittatura nel Salvador, Romero è accanto ai poveri e contadini vittime delle oppressioni del governo. Con le sue denunce continue delle violazioni dei diritti umani, delle disuguaglianze, delle repressioni trasformano il vescovo in un sostegno per il popolo del Salvador.mons romero

Se mi uccideranno,  risorgerò nel popolo salvadoregno”  Lo uccidono mentre “spezza il pane”. Le sue ultime parole sono ancora per la giustizia: “In questo Calice il vino diventa sangue che è stato il prezzo della salvezza. Possa questo sacrificio di Cristo darci il coraggio di offrire il nostro corpo ed il nostro sangue per la giustizia e la pace del nostro popolo. Questo momento di preghiera ci trovi saldamente uniti nella fede e nella speranza”.

Sabato 12 marzo per ricordare la figura di mons. Oscar Romero si parlerà di terra, casa, lavoro secondo papa Francesco e Oscar Romero. Introduce don Antonio Agnelli, teologo, studioso di Mons. Oscar Romero. Dai discorsi di papa  Francesco ai movimenti  popolari, una profezia per oggi a cura di Daniela Negri del gruppo missionario S. Abbondio. Il ruolo dei movimenti popolari in America Latina introduce don Mario Aldighieri, coordinatore Tavolo interreligioso. I movimenti popolari latino americani come pratica per il cambiamento politico ne parla Mauro Castagnaro, giornalista.

CONDIVIDI
Valerio Gardoni
Giornalista, fotoreporter, inviato, nato a Orzinuovi, Brescia, oggi vive in un cascinale in riva al fiume Oglio. Guida fluviale, istruttore e formatore di canoa, alpinista, viaggia a piedi, in bicicletta, in canoa o kayak. Ha partecipato a molte spedizioni internazionali discendendo fiumi nei cinque continenti. La fotografia è il “suo” mezzo per cogliere la misteriosa essenza della vita. Collabora con Operazione Mato Grosso, Mountain Wilderness, Emergency, AAZ Zanskar.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Esegui l'operazione aritmetica prima di inviare *