Monte Isola, Brescia. Tutto pronto, si inaugura! Oramai non si parla d’altro: l’opera della Land Art “The Floating Piers di Christo e Jeanne-Claude inaugura sabato 18 giugno sul lago d’Iseo, sino al 3 luglio permetterà di camminare sulle acque del Sebino, di camminare sull’opera d’arte, esserne protagonisti.

I visitatori potranno accedere GRATUITAMENTE all’opera e camminare ammirando tutti gli angoli più nascosti dalle montagne intorno al lago, cullati dal movimento dell’acqua sotto i propri piedi. I pontili saranno larghi 16 metri e alti 50 centimetri e al termine dei 16 giorni l’intera struttura sarà rimossa e dismessa attraverso un processo industriale di riciclaggio.RGB_TheFloatingPiers_DrawingLarge_2014(1)

Con ‘Christo torna a lavorare in Italia dopo oltre 40 anni annunciando “Vi farò camminare sulle acque, meglio se verrete senza scarpe; sarà una passeggiata dove sentirete le onde sotto i vostri piedi” e potete portare anche il vostro cane.  Parola di Christo!

Si tratta di un percorso pedonale provvisorio e, ripetiamo, gratuito per un totale di 4,5 chilometri sulle acque del Lago d’Iseo, in provincia di Brescia, realizzato utilizzando 70.000 metri quadri di tessuto giallo-arancione, sostenuti da un sistema modulare di pontili galleggianti formato da 200.000 cubi in polietilene ad alta densità.christo by Wolfgang Volz

Il percorso comprenderà il transito da Sulzano a Monte Isola e si svolge tra terra e acqua per includere l’Isola di San Paolo. Tre chilometri sull’acqua ed un chilometro e mezzo lungo la strada pedonale che collega Peschiera Maraglio e Sensole.

Da Brescia un bus navetta, con partenze a ogni ora dalle 9 alle 19, da Largo Torre Lunga. Il biglietto al costo di 19  euro comprende:

  • Parcheggio a piazzale Arnaldo
  • Andata e ritorno da Brescia a Iseo
  • Bus navetta da Iseo a Sulzano (ingresso installazione)
  • Biglietto ingresso mostra Santa Giulia Christo and Jeanne-Claude
    Water Projects

 

Altri collegamenti nel sito:  http://www.iseolake.info/it/eventi/the-floating-piers#comeraggiungerci

Valerio Gardoni
Giornalista, fotoreporter, inviato, nato a Orzinuovi, Brescia, oggi vive in un cascinale in riva al fiume Oglio. Guida fluviale, istruttore e formatore di canoa, alpinista, viaggia a piedi, in bicicletta, in canoa o kayak. Ha partecipato a molte spedizioni internazionali discendendo fiumi nei cinque continenti. La fotografia è il “suo” mezzo per cogliere la misteriosa essenza della vita. Collabora con Operazione Mato Grosso, Mountain Wilderness, Emergency, AAZ Zanskar.