Tempo di lettura: 2 minuti

Il 2 aprile è la giornata mondiale della consapevolezza sull’Autismo. A tal proposito, sabato 1 aprile, Sky Arte e Sky Cinema hanno programmato la proiezione del primo film italiano dedicato al disturbo dell’Autismo, che non interessa soltanto i bambini come si è soliti pensare, ma anche gli adulti. L’ordinamento italiano prevede programmi di cura per i ragazzi autistici sino alla maggiore età, senza preoccuparsi di chi viene invece colpito da tale disturbo in età adulta.

Che cosa succede a questi ragazzi una volta diventati grandi? Quali diritti hanno? Chi aiuta, e come, coloro che vengono colpiti da tale disturbo in età avanzata? Da questi dubbi e domande nasce “Tommy e gli altri“, il film ideato da Gianluca Nicoletti, diretta da Massimiliano Sbrolla e accompagnata dalla colonna sonora scritta del cantautore Brunori Sas. Gianluca insieme a suo figlio Tommy, ragazzo autistico da poco maggiorenne, si avventura in un lungo viaggio attraverso l’Italia, da Forlimpopoli a Trento e Madonna di Campiglio, da L’Aquila a Napoli, passando per Gravina di Puglia, Botricello e Praia a mare, per incontrare “gli amici di Tommy”, ragazze e ragazzi autistici e i loro genitori.

Questo film ha una delicatezza e una profondità veramente eccezionali. Hanno fatto un lavoro eccezionale, sono delle storie che danno la consapevolezza di un problema che le Istituzioni devono seguire e accompagnare” – afferma il presidente del Senato, Pietro Grasso.

Con incredibile vividezza, il film trasmette situazioni di difficile integrazione dei ragazzi, storie di isolamento, raccontate attraverso le parole degli stessi protagonisti e dei loro genitori. I protagonisti della pellicola sono anche “gli altri”, coloro che colpiti dal disturbo dell’Autismo in età adulta, non godono di diritti ad avere una vita sociale, costretti spesso a vivere ancora con i genitori o addirittura in detestabili luoghi di segregazione.

Le riprese del film sono durate più di un anno: la troupe ha percorso l’Italia da nord a sud, da est a ovest: a bordo del pulmino, in cerca di storie vere, insieme a regista e tecnici, c’erano sempre Nicoletti e suo figlio. A sostenere il progetto “dal basso”, più di 450 persone, che tramite la piattaforma di crowdfunding di Telecom Italia “Withyouwedo” hanno donato 50.845 euro.

Immagine tratta da redattoresociale.it

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Esegui l'operazione aritmetica prima di inviare *