Tempo di lettura: 2 minuti

Torna il Global Junior Challenge, il contest biennale che promuove il ruolo strategico delle nuove tecnologie nella circolazione delle conoscenze, nella salute, nella cooperazione interculturale, nella lotta alla povertà educativa e nella riduzione del divario sociale.

C’è tempo fino al 20 settembre per iscriversi. Promosso dalla Fondazione Mondo Digitale e giunto alla sua ottava edizione, il concorso raccoglie e premia progetti provenienti da tutto il mondo che usano le tecnologie informatiche e telematiche a fini educativi e formativi.
Agenzia giornalistica

Il Global Junior Challenge è aperto a tutti: scuole e università, istituzioni pubbliche e private, cooperative e associazioni culturali, imprese e privati cittadini. Sono ammessi a partecipare i progetti attivi al 31 dicembre 2016, all’interno di varie categorie, secondo l’età dei destinatari del progetto, e per sfide tematiche (inserimento dei giovani nel mondo del lavoro, integrazione di immigrati e rifugiati, sostenibilità ambientale).

Una giuria internazionale seleziona i progetti e proclama i vincitori. Per l’evento finale, nella capitale dal 25 al 27 ottobre, viene allestito uno spazio espositivo dedicato ai finalisti, animato da convegni, workshop e attività per studenti e insegnanti.

Sono attese cinque delegazioni europee (Lettonia, Italia, Regno Unito, Spagna e Svezia) di giovani tra i 14 e i 19 anni. Sono i digital ambassadors del progetto Make Learn Share Europe, attuato nell’ambito del programma europeo Erasmus+.

La cerimonia di premiazione si svolge il 27 ottobre nella prestigiosa sala Giulio Cesare in Campidoglio.

Per proseguire l’attività di Tullio De Mauro e valorizzare il prezioso ruolo dei docenti che lavorano quotidianamente per coniugare inclusione e qualità dell’offerta formativa, il Premio per il docente innovatore, istituito con l’edizione 2015, viene dedicato alla figura del linguista che ha guidato per dieci anni la Fondazione Mondo Digitale.

Il premio verrà assegnato a una storia di successo, raccontata da un dirigente o da un docente, che dimostri con efficacia come la scuola di qualità sia anche la scuola per tutti, preziosa lezione che Tullio De Mauro ha lasciato in eredità. In sette edizioni è stata creata una banca dati di 3.500 progetti, sono stati selezionati 600 casi di successo e assegnati oltre 100 premi.

CONDIVIDI
Redattore Sociale
Il Network di Redattore sociale raggruppa diverse iniziative di informazione, documentazione e formazione sui temi sociali. A promuoverle è la Comunità di Capodarco di Fermo, dal 1966 una delle organizzazioni italiane più attive nell’intervento a favore di persone in difficoltà e oggi diffusa in varie regioni. Motore di questa rete è la redazione dell’Agenzia giornalistica quotidiana Redattore sociale, nata nel febbraio 2001 ed oggi attiva su un portale web riservato agli abbonati.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Esegui l'operazione aritmetica prima di inviare *