Tempo di lettura: 3 minuti

Gambara (Brescia) – Nell’anno del 10° anniversario, l’Accademia del Gamber torna ad esporre in occasione di uno degli appuntamenti ormai più tradizionali e consolidati, la festa di San Giuseppe.

I gambaresi sono particolarmente legati alle feste del paese: San Giuseppe, San Gottardo, La Madonna della Neve riscuotono sempre una grande e sentita partecipazione.

Le strade si riempiono di risate, cibo, giochi. Gli eventi sono numerosi ed attirano ogni volta un gran numero di persone. Si colgono queste occasioni per incontrarsi e passare del tempo insieme.

Organizzare eventi a Gambara è sempre di grande soddisfazione, ed è con questo buon auspicio che l’Accademia del Gamber propone una nuova mostra, sostenuta da Cassa Padana, in occasione della fiera di San Giuseppe, il 18 e 19 marzo, in una location particolare: una graziosa casa storica messa a disposizione dalla signora Piera Morbini.

‘Percorsi & Cromie’: questo il titolo scelto per l’esposizione. Il tema dei lavori proposti non è unico. ‘Percorsi e cromie’ è una raccolta di opere che narrano storie diverse, come diverso è il percorso di ciascuno nell’accostarsi alla pittura. Una parte più tecnica che parla di come lo stesso strumento (l’acquerello) e la stessa tipologia di soggetto (i fiori) portino ad ottenere risultati estremamente diversi a seconda dell’interpretazione e del modo di vedere, personalissimo, di ciascun artista.

Una seconda parte legata alle emozioni, ai ricordi, al racconto. Ciascun artista ha scelto una fiaba, una storia o una frase che ha avuto un’importanza particolare, che l’ha accompagnato nel corso della vita o che gli ha, in qualche modo, lasciato un segno. Ognuno ha raccontato coi colori la propria storia. Diventa interessante e divertente indagare i motivi della scelta, cercare di capire cosa c’è più in profondità, perché, non dimentichiamolo, ogni opera è un riflesso sincero di chi l’ha creata. L’Arte è onesta, non mente.

Una terza sezione dedicata alle opere create in piena libertà nei momenti di ArteTerapia: nel corso di queste lezioni gli artisti sono stati chiamati ad esprimersi col colore, senza soggetti da interpretare, senza schemi da rispettare. Si tratta di esperienze importanti e forti, che ognuno ha vissuto in modo personale: alcuni traendone momenti di benessere e serenità, altri vivendo momenti di tensione e di successiva liberazione. Se vissuti in pienezza diventano attimi di forte esposizione di sé all’esterno. Spazi che portano ad indagare se stessi in maniera profonda ed appassionata, pur con momenti di grande divertimento e benessere.

L’esperienza artistica, il piacere del bello e dell’estetica, affondano pienamente le radici nel vissuto di ciascuno di noi traendone linfa vitale. Come una pianta affonda le radici nel terreno ed è diversa a seconda del nutrimento che trova, così le opere che nascono dalle mani di ciascuno si nutriranno e saranno riflesso onesto e diretto delle esperienze di vita, dell’emotività, dei percorsi dell’artista.

I pittori dell’Associazione Culturale Accademia del Gamber continuano il proprio percorso di crescita, fra momenti di gioia e di difficoltà, forti del confronto interno, sempre costruttivo, e affidandosi alla guida esperta e sempre propositiva del maestro Pieraldo Tellaroli.

In attesa della fiera di San Giuseppe, e in concomitanza con ‘Percorsi & Cromie’ è possibile vedere alcune opere degli artisti dell’Accademia del Gamber esposte presso l’Arci di Gambara: il titolo della mostra è ‘Dedicata alle donne’, proposta, appunto, in occasione della festa della donna e aperta al pubblico fino al 19 Marzo.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Esegui l'operazione aritmetica prima di inviare *