Siamo certi che molti nostri tifosi e molti addetti ai lavori quando nei giorni scorsi leggevano degli importanti rinnovi dei nostri giocatori si saranno chiesti: “Ma Pedrini? Perché non ne parlano?” e ovviamente in loro, specialmente nei primi, saranno comparse un po’ di inquietudine ed un po’ di apprensione…tranquilli: “Toro scatenato” c’è e farà sentire ancora forte la sua presenza. – Ufficio Stampa Basket Team 1995 Pizzighettone.

La società pizzighettonese ha pensato di annunciare il suo rinnovo legandolo, come in una ideale staffetta, a quello di un giovanissimo player nel quale però la Mazzoleni Basket crede fermamente e si augura possa ripercorrere la stessa strada di Simone: Dante Baldrighi.

Simone Pedrini, insieme a Marco Roberti, incarna come meglio non si potrebbe la storia sportiva della società e i principi sui quali si è fondata fin dalla sua costituzione: serietà, rispetto, educazione, impegno, capacità di soffrire e di gioire tutti insieme. Dopo aver giocato a Cavriago, Tortona ed Orzinuovi, nella stagione 2013/14 è riapprodato a Pizzighettone da dove era partito qualche anno prima e da allora è diventato un vero punto di riferimento per tutti i giocatori che vestono la nostra casacca in virtù della sua empatia, della sua serietà e della sua capacità di far sentire immediatamente a proprio agio tutti i “nuovi” del team.

Dotato di straordinaria potenza fisica e di un atletismo notevole, molte volte si è trovato a giocare in un ruolo non propriamente adatto a lui in quanto i suoi avversari sotto la retina molto spesso erano più alti e più massicci, ma Simone ha la grande capacità di saper essere al posto giusto nel momento giusto e di conseguenza sa arpionare moltissimi rimbalzi sia nella fase difensiva quanto in quella d’attacco. La sua capacità di lavorare molto in allenamento e la sua voglia di migliorarsi continuamente hanno fatto sì che nel corso degli anni abbia affinato molto la tecnica di tiro sia dalla media quanto dalla lunga distanza e pertanto ora fanno di lui un uomo molto pericoloso anche dal perimetro. Quella trascorsa è stata un’altra stagione al top per il numero 6 biancoblù e basta guardare i suoi numeri per rendersene conto: 412 punti realizzati (2557 in carriera) con una media partita di 13,7 ed una valutazione finale di assoluta eccellenza pari a +19,73.

Dante Baldrighi, ala grande classe 1999, pur non avendo tantissimo minutaggio nella scorsa stagione ha mostrato sia nella sua categoria under sia negli allenamenti con la prima squadra le sue enormi potenzialità e con due “chiocce” come Pedrini e Gerli (che in allenamento non gli risparmiano contatti non propriamente soft) non potrà far altro che concretizzarle quanto prima. Ragazzo estremamente serio e a cui non fa certo difetto la voglia di sacrificarsi e la capacità di soffrire, se riuscirà ad arginare l’irruenza tipica della sua età, che molte volte lo penalizza in termini di falli commessi, siamo certi riuscirà a ritagliarsi minutaggi importanti nella Mazzoleni 2018/2019 e prendersi tutte quelle soddisfazioni che tutti noi con coach Massimo Giubertoni in primis, gli auguriamo.