Tempo di lettura: 2 minuti

Cimego, Trento. Considerata una della Tre Valli Bresciane, la Val Sabbia è per metà trentina, per il Natale si trasforma in un palcoscenico natalizio ricco di fascino, con i Mercatini di Natale di Cimego che fanno rivivere un borgo medievale nell’atmosfera raccolta di androni antichi tra fumi delle polente e delle streghe del luogo, ed altre iniziative.

La Valle del Chiese con i suoi borghi suggestivi è possibile ritrovare il gusto di sapori dimenticati e rivivere tradizioni che si perdono nella notte dei tempi ed insieme godere delle attrattive ambientali. A Cimego, nel piccolo borgo medievale di Quartinago del Comune di Borgo Chiese ogni sabato e domenica fino al 29 dicembre, prendono vita “Mercatini di Natale” unici nel loro genere: esclusivi perché prendono forma non in casette lignee, ma nell’atmosfera intima e raccolta di androni antichi, corti e cantine, angoli e fienili scaldati da fuochi, tra fumi di grandi polente condite ed i falò delle streghe del luogo.

Streghe che tra luci soffuse e melodie, all’imbrunire a Cimego possono comparire e danzare sì, proprio in piazza, dove le giornate si concludono degustando in compagnia grandi polente condite e la grappa distillata al momento. Intorno a grandi fuochi, per grandi e piccini, in un’atmosfera unica.

Qui, ogni fine-settimana, dalle 9.30 alle 18.30, il visitatore si può addentrare tra le contrade avvolte in un’atmosfera di altri tempi e degustare ed acquistare, sia specialità gastronomiche della zona: polente con la farina di Storo, pesce salmerino, formaggi, salumi e burro delle malghe ed infusi, succhi, liquori, erbe officinali, miele, dolci, confetture. Una grande varietà di autentico artigianato: sculture, pitture e ceramiche, ricami e maglieria, bigiotteria, borse ed una moltitudine variegata di articoli per la casa e la persona, che la gente del luogo crea da generazioni con passione.

Alcuni punti di ristoro, ricavati in suggestive e calde nicchie storiche , accolgono i “viandanti” con golose proposte gastronomiche: piatti caldi tipici del territorio, taglieri ricchi di formaggi e salumi della Valle, castagne, dolci, creme e bevande dal profumo di montagna, cedendo il passo ogni tanto a “sua maestà” la polenta della Valle del Chiese declinata e condita secondo le ricette del luogo: carbonera: con burro, formaggi e salame della zona; macafana: con burro, spressa e cicoria, o di patate.

E per i più piccoli? Laboratori, giochi e attrazioni li attendono in ben 2 sedi: nella casa di Babbo Natale, con un set fotografico, il saggio Babbo ed una stalla con gli animaletti, ed in Casa Marascalchi, museo dell’antica civiltà contadina, dove animazione, giochi e laboratori con la visita alla cantina delle Streghe di Cimego, ricordano che le streghe qui, ben oltre le leggende, erano di casa.

CONDIVIDI
Valerio Gardoni
Giornalista, fotoreporter, inviato, nato a Orzinuovi, Brescia, oggi vive in un cascinale in riva al fiume Oglio. Guida fluviale, istruttore e formatore di canoa, alpinista, viaggia a piedi, in bicicletta, in canoa o kayak. Ha partecipato a molte spedizioni internazionali discendendo fiumi nei cinque continenti. La fotografia è il “suo” mezzo per cogliere la misteriosa essenza della vita. Collabora con Operazione Mato Grosso, Mountain Wilderness, Emergency, AAZ Zanskar.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Esegui l'operazione aritmetica prima di inviare *