Tempo di lettura: 2 minuti

Leno (Brescia) – La Fondazione Dominato Leonense di Leno e il gruppo “Pralboinesi si nasce o si diventa” di Pralboino (Bs), con il patrocinio del Comune di Pralboino e la Biblioteca “V. Gambara” di Pralboino, propongono per venerdì 24 aprile alle ore 20.45 a Pralboino presso l’ex sala consiliare di Via Martiri della Libertà, una serata dedicata alle tradizioni e alle superstizioni della Bassa Bresciana.

Tomaso Romano (1)Un appuntamento dal sapore antico che vedrà nuovamente protagonista il novantatreenne Tomaso Romano, maestro, poeta, autore e dialettologo di Alfianello, che insieme alla Prof.ssa Milly Dagani Capoferri presenterà il suo libro “Tradisiù e superstisiù déla Bàsa Bresàna”, edito nel 2012 dalla Fondazione Dominato Leonense di Leno. Una raccolta di storie e superstizioni contadine, che raccontano la Bassa Bresciana nei primi decenni del Novecento. Il libro è scritto interamente in dialetto, con la traduzione in italiano a fronte.

Durante la serata saranno letti e commentati alcuni brani, aneddoti e curiosità per perdersi nei ricordi di un tempo passato, quando le famiglie vivevano in cascina e la vita era scandita dai ritmi della terra. Un autentico patrimonio di memorie storico-culturali da salvaguardare, che fa apprezzare ancora di più il nostro territorio e la sua storia.

Il maestro Tomaso Romano, classe 1921, è un autorevole ricercatore del dialetto bresciano; nei numerosi libri che ha pubblicato fino ad oggi, veste i panni del fedele narratore delle usanze della Bassa Bresciana, storie che ha vissuto in prima persona oppure che ha ricevuto in memoria da altri.

Una curiosità: proprio a Pralboino, sia il maestro Tomaso Romano che la Prof.ssa Milly Dagani Capoferri frequentarono le scuole medie e svilupparono entrambi il grande amore per l’insegnamento.

L’ingresso è libero e aperto a tutta la cittadinanza.

CONDIVIDI
Marco Sacchi
Bresciano di origine e residenza, frequenta l’Università Cattolica del Sacro Cuore a Piacenza dove si specializza in Economia aziendale. Dal 2011 in forza presso la Fondazione Dominato Leonense di Leno, dove promuove la storia del Monastero benedettino “Ad Leones” e attività di promozione del territorio.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Esegui l'operazione aritmetica prima di inviare *