Tempo di lettura: 2 minuti

Binanuova (Cremona) – Tradizione e Fede: un binomio che ha consentito ai “Binesi” di rinnovare l’importante ricorrenza della festa dedicata alla Madonna, nel rispetto delle norme anticovid, alle quali Don Attilio ha invitato i presenti ad attenersi.

Una buona disponibilità di volontari, guidati da Carlo Fracassi, ha consentito di superare le difficoltà, causa anche il peso della statua di Maria con bambin Gesù e le dimensioni del tutto, portarla fuori dalla chiesetta di San Rocco, per posizionarla poi sull’apposito carrello.

Un momento questo che Don Attilio ha definito di gioia, dopo la forzata sospensione dell’anno scorso e che oggi siamo pronti a rivivere, mentre stiamo superando le difficoltà create dalla pandemia.

Così la processione è iniziata percorrendo il breve tratto di via XX Settembre, alle finestre i rituali drappi rossi, nel rispetto della tradizione non sono mancati i bambini che, per quanto possibile, spargevano petali di fiori sul percorso.

Non facili anche le operazioni per collocare la statua al posto preparato all’interno della chiesa e dove rimarrà almeno per il mese di Maggio. L’inizio della celebrazioni è iniziato in modo solenne con il canto del “gloria” accompagnato all’organo dal maestro Marco Fracassi. Nell’omelia Don Attilio ha ricordato l’importanza di custodire questa devozione Mariana e, facendo eco al Vangelo ha sottolineato che Dio è amore, un amore che precede e che se non hai mai conosciuto amore, non sei in grado di amare ed ha concluso con un ricordo dei Parroci che negli anni hanno servito questa Parrocchia.

A conclusione della Messa, ha ricordato che per il mese di maggio il rosario si celebrerà in chiesa nelle serate di lunedì, mercoledì, giovedì e venerdì. Un grazie particolare l’ha rivolto ai volontari che si sono impegnati nella preparazione della ricorrenza e uno speciale ai volontari che si sono occupati del trasporto della statua.