Tempo di lettura: 1 minuto

Desenzano del Garda (Brescia) – Colori caldi e freddi trovano una loro perfetta sintonia nell’istantaneità del gesto; pennellate vibranti scuotono l’anima dell’osservatore; uno stile che è in grado di esprimere il proprio tempo come una forma che si genera da se stessa, creando la propria metamorfosi. (Caterina Licata)

Montevago, all’anagrafe Giovanni Carmelo Sciuto (Catania 1929 – Milano 2014) è stato un pittore italiano dallo stile compositivo e cromatico felice, inventore di una corrente e tecnica pittorica denominata “Montevaghismo” con il quale l’artista ha saputo tracciare il segno di un’esperienza finemente originale, apprezzata da pubblico e critica e ripresa da altri artisti.

Nella sua lunga carriera ha esposto in tutta Italia ed all’estero, in particolare in Francia dove ha soggiornato per parecchi anni, tra la Costa Azzurra, costa atlantica e Parigi.

Montevago ha ottenuto numerose onorificenze e riconoscimenti privati e pubblici tra cui l’Ambrogino d’oro del Comune di Milano per meriti artistici.

Recensito su quotidiani, riviste e pubblicazioni d’arte, le sue opere sono esposte in collezioni pubbliche e private in tutto il mondo.

CONDIVIDI
Laura Simoncelli
Dopo il diploma di liceo scientifico, si laurea all’Univeristà Cattolica di Brescia nel 2004 in Lettere e Filosofia. Collabora con Fondazione Civiltà Bresciana e Bresciaoggi con stesura di articoli sportivi, cronaca e tempo libero. Dal 2004 al 2017 fa parte della redazione di popolis. E’ docente di italiano e storia presso le scuole medie e superiori

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Esegui l'operazione aritmetica prima di inviare *