Tempo di lettura: 4 minuti

Travagliato (Brescia) – Appuntamento fra aprile e maggio, per l’edizione annuale della manifestazione fieristica denominata Travagliatocavalli che, nel 2018, si sviluppa nell’avvicendamento delle giornate comprese dal 28 aprile al primo maggio.

Sede della quattro giorni è la vasta area contenuta a Travagliato da via IV Novembre, via Napoleone e via Montegrappa, perpendicolari, quest’ultime, alla linea di confine con l’estesa zona campestre dell’aperta pianura dove prevalgono gli appezzamenti delle colture cerealicole.

Nel nome della manifestazione, l’ubicazione: Travagliato, nelle vicinanze di Brescia, quale cittadina interessata, una volta all’anno, all’impianto espositivo e spettacolare di una composita realtà equestre, adottata in una organizzata forma di estemporanea manifestazione settoriale, dislocata su una superficie di 250mila metri quadrati, interessata al diversificato coinvolgimento dei numerosi cavalli che vi sono preventivati.

Intrattenimenti per bambini, svaghi per le famiglie, esposizioni merceologiche, allestimento di giochi anche all’aperto, oltre che riparati dalla pioggia perché al coperto, spettacoli serali ad ogni epilogo di giornata, possibilità di cavalcare pony ed asini, salutare la locale mascotte “Travallino”, nata dalla fantasia di Andrea Marchetti e di Gianni Naoni, e quant’altro, ancora, su cui si insiste perchè tutto ciò faccia breccia nel più ampio interesse possibile degli auspicati visitatori, ma il protagonista è il cavallo, in quanto tale, secondo i molteplici interessi che vedono questo animale realmente apprezzato dagli estimatori.

Sede di qualificati circuiti di gara, la “Travagliatocavalli” è tappa di periodiche selezioni agonistiche, realizzate a più livelli di importanti attestazioni di risultati, prodotte dalle svariate metodiche di impiego agonistico del quadrupede in questione, in altrettante peculiarità di competizioni, vissute in rispetto a quella codifica che è da sempre al vaglio dei corrispondenti referenti nelle loro preposte istituzioni.

Gare, fra le altre ancora, firmate, ad esempio, dalla “Fise (Federazione Italiana Sport Equestri), per quanto riguarda l’annunciata esibizione agonistica del “Mountain Trail”, in calendario dalle ore 16, fino alle ore 20, nel campo ippico “B”, durante la giornata di domenica 29 aprile, per ciò che concerne il “Working Equitation – Special Event” che si rinnova, come analoga attrattiva, pure nella mattinata appena seguente, nel medesimo quadrilatero di competizione equestre, a partire dalle ore 8 fino alle ore 10.

Un premio, evocativamente dedicato alla testualmente esplicitata “Travagliatocavalli”, è, invece, annunciato in sede di AAEE Italia (Associazione Equestre Scuola Spagnola) come prestigioso sodalizio esercente l’attribuzione di tale riconoscimento, atteso nel “Campo F”, ancora nel corso degli eventi in programma per lunedì 30 aprile, in questo caso di pomeriggio, dalle ore 14 alle ore 15.

Per ciò che, invece, concerne i cavalli maremmani, la festività del primo di maggio ha in serbo il circostanziarne, fra le molteplici attrattive previste per la trentanovesima edizione di questa fiera equestre, lo spettacolo divulgato negli espliciti termini diA.N.A.M. – Cavalli Maremmani in show”.

Nella giornata d’inizio del 28 aprile, la figura equestre, in una quota parte abbinata al mondo western, ha modo di profilarsi nel Derby I.R.C.H.A Travagliatocavalli, dove tale nota caratterizzazione ippica, ispirata al retaggio dei cow boys americani, si traduce nel “Western Show”, previsto al “Palacittà” dalle ore 9.

In una naturale concomitanza con altri eventi, proposti in fiera nel medesimo giorno, allo stesso orario accennato entra, fra l’altro, nel vivo il tradizionale concorso ippico, atteso nel “campo A” per il “Circuito Classico MIPAAF e Categorie Aggiunte”, come pure, nel “campo E”, la seconda tappa del “I Campionato Nazionale Morfologia Cavallo Maremmano”, contestualmente riferiti a quell’assortimento di appuntamenti che, su tutt’altro genere di esemplari, riguardano anche, nel campo appositamente individuato come “Dog’s academy”, una serie di dimostrazioni cinofile.

Nell’inglese che imperversa pure in queste attrattive sportive, la quasi quarantennale edizione fieristica di Travagliato conserva spazio anche per la tradizionale eco spagnola della caratteristica “Doma Vaquera”, per una competizione certificata dalla “AAEE Italia” (Associazione Equestre Scuola Spagnola), calendarizzata alle ore 14 di domenica 29 aprile, secondo un evento circostanziato nel “campo F”, dove, dalle 12e30 alle 13e30, l’evocazione di una simile corrispondenza geografica con tale specificità morfologica equestre è posta nella prospettiva dello “Show del cavallo iberico”.

Da tale zona europea, alle vette altoatesine, il passaggio, fra le diverse razze equine presenti in fiera, vede, fra altri ancora, apparire il cavallo avelignese, nell’ambito di quelle altre attrattive che sono legate, in particolar modo, alla “Ottantesima Mostra Nazionale del Cavallo Haflinger”, di stanza nel “campo G”, sia di domenica, che, a seguire, di lunedì e di martedì, con le varie selezioni sviluppate nell’arco delle rispettive fasi delle peculiarità e delle categorie cadenzate durante le intere giornate.

Fra i primi esemplari equestri a valorizzare le edizioni, un tempo, al debutto della fiera di Travagliato, nata come “fiera agricola”, gli avelignesi si confermano nella naturale sintonia con quella tradizione di riferimenti che, anche nell’iniziativa fieristica dedicata agli attacchi, quali veicoli trainati da cavalli, rivela il folclore di una plurale dinamica di rappresentazione.

Il “Derby Attacchi” della F.I.S.E. è programmato nel “campo A”, associandosi all’immagine equestre degli eventi del primo maggio, dettagliando la propria peculiarità, fra i numerosi altri richiami d’attenzione della manifestazione, a partire dalle ore 10, secondo la ravvisata presentazione della testualmente annunciata “prima e seconda manche per pony, tiri singoli, pariglie”.