Tempo di lettura: 3 minuti

Cremona. Domenica 19 giugno, fiume Po, sono partiti di buon mattino, la prua verso oriente, verso Venezia. Una lunga e faticosa remata da Cremona, ma non abbastanza per piegare la tenacia di una squadra di canottaggio composta da giovani con disabilità partiti per realizzare un sogno.IMG_0830

Osare, lanciare il cuore oltre l’ostacolo, seguire i propri sogni. Ecco lo spirito con cui alcuni giovani con disabilità di Cremona stanno affrontando un’impresa epica: la traversata del Po da Cremona a Venezia. Un sogno che riempirà i loro cuori di fiducia in se stessi e che sarà la dimostrazione che con l’aiuto della comunità, i sogni si posso realizzare. Sostenuti dall’associazione FareLegami che si è subito affiancata all’impresa, insieme al sostegno della Compagnia delle Griglie e della ASD Atletica-Mente AICS.

Sette tappe, sette giornate ai remi, per coprire la via d’acqua che porta alla città d’oriente: Venezia è lontana a colpi di remo. Dinnanzi c’é una lunga via d’acqua che scorre sul grande fiume Po sino al delta e prima della laguna un braccio di mare da risalire verso nord. Coordinate di un’avventura dove la fatica è sicura, ma l’avventura è di quelle che rimangono dentro per sempre.IMG_0827

Ora il ragazzi sono immersi nel mondo del fiume: acqua , terra, cielo, e quel senso di irrequietudine del continuo movimento  di energia inarrestabile che solo il fiume sa raccontare.

E’ là oltre il grande fiume e il mare Venezia, più lontana di tutte le altre città, arrivarci e diverso. Diverso dal Tevere che arriva a Roma immortale, diverso dall’Arno che taglia Firenze; Venezia è più lontana, Venezia è “l’oriente”. Perché’ oltre l’acqua bassa e opaca di salsedine della laguna c’è il mito di Marco Polo quint’essenza del viandante, c’è l’oriente e prima delle rotte asiatiche della seta i Balcani dei monti naviganti e degli uomini inquieti, c’è la terra agitata come i marosi d’un mare in tempesta.

A Venezia la clessidra finisce la sabbia e il tempo perde la definizione, a terra rimangono i turisti che danno il grano ai piccioni di piazza San Marco, ma a mezz’aria c’è la Venezia eterna e immortale.

I naviganti hanno una buona preparazione tecnica e atletica, quanto basta per garantire la sicurezza, poi per affrontare un lungo viaggio dove il motore è il tuo corpo. Poi basta una semplice decisione: partire, e l’animo si dilata nella felicità d’un nuovo rapporto col mondo.IMG_0826

– Vogliamo raccontare una storia, un esempio di riscatto sociale che ci ha insegnato come è possibile creare un reale cambiamento a partire dalle relazioni, dai legami che tengono unita la nostra comunità. – raccontano gli organizzatori che hanno affiancato i ragazzi

– La storia di Michele, un ragazzo non vedente di Cremona: dopo una vita passata nel buio riesce ad uscire dall’ombra della sua condizione di disabilità grazie al canottaggio. Nel nostro territorio cremonese, sono tanti i ragazzi e le ragazze, con differenti disabilità, che attraverso lo sport stanno acquistando fiducia in loro stessi e imparano a superare le barriere sociali. Alcuni di loro di sono allenati duramente presso la Canottieri Flora di Cremona e oggi vogliono realizzare la traversata del grande fiume Po da Cremona a Venezia! –

Ecco le tappe:

19 giugno: Cremona – BorettoIMG_0829

20 giugno: Boretto – Revere

21 giugno: Revere – Occhiobello

22 giugno: Occhiobello – Porto Viro

23 giugno: Porto Viro – Chioggia

24 giugno: Chioggia – Lido di Venezia

25 giugno: Lido di Venezia – Venezia

– Siamo sicuri che questa impresa sarà fondamentale per la vita dei nostri ragazzi e rappresenterà un esempio importante per tutte quelle persone che vogliono ritrovare fiducia in se stessi – affermano i volontari dell’associazione Fare Legami. L’impresa sarà inoltre un possibile passo per l’avvio delle attività del progetto FareLegami presso le società Canottieri di Cremona, luoghi dove è possibile costruire percorsi di integrazione sociale e conciliazione vita-lavoro, temi cari al progetto FareLegami.

CONDIVIDI
Valerio Gardoni
Giornalista, fotoreporter, inviato, nato a Orzinuovi, Brescia, oggi vive in un cascinale in riva al fiume Oglio. Guida fluviale, istruttore e formatore di canoa, alpinista, viaggia a piedi, in bicicletta, in canoa o kayak. Ha partecipato a molte spedizioni internazionali discendendo fiumi nei cinque continenti. La fotografia è il “suo” mezzo per cogliere la misteriosa essenza della vita. Collabora con Operazione Mato Grosso, Mountain Wilderness, Emergency, AAZ Zanskar.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Esegui l'operazione aritmetica prima di inviare *