Tempo di lettura: 2 minuti

Parma – Montagna e solidarietà, un connubbio ideale proposto dal Club Alpini Italiano Sezione di Parma nel ciclo di iniziative “Tre finestre sul mondo”, coordinato da Roberto Zanzucchi, che propone tre interessanti appuntamenti.

Martedì 30 maggio alle ore 21, presso la sede del CAI in viale Piacenza, si terrà una serata di presentazione e promozione del viaggio in Kenia organizzato dal CEFA (Comitato Europeo Formazione e Agricoltura), una ONG bolognese da 42 anni impegnata nel paese centrafricano. Durante la serata verranno anche illustrati i progetti di solidarietà messi in atto in Kenia.

Il viaggio, per il quale sono disponibili 12 posti, si svolgerà dal 20 agosto all’inizio di settembre, e durerà 15 giorni, 4 dei quali impiegati per la salita escursionistica del monte Kenia, ad oltre 5.000 metri di altitudine, per un’ascensione che non richiede l’uso di dotazioni alpinistiche; le altre giornate saranno impiegate per visitare i luoghi sedi di progetti agricoli, idrici e sociali (questi ultimi nelle carceri), messi in atto dal CEFA in Kenia. Lo scopo è quello di far conoscere l’associazione (alla quale il CAI fa da tempo riferimento) e di contribuire, anche con i viaggi di questo tipo, al finanziamento di attività di solidarietà.

La seconda iniziativa consiste in un’altra serata, in calendario per martedì 20 giugno, sempre alle ore 21 presso la sede del CAI, in cui l’associazione “Help for Friends”, presieduta da Claudia Caffarelli del CAI di Parma, illustrerà le iniziative messe in atto in favore delle scuole in Nepal. All’incontro interverrà Santos Koirala, guida e istruttore, ma anche fondatore della scuola Moonlight a Kathmandu, che è al centro del progetto promosso in Nepal.

Infine, per l’intero periodo, a partire dal 30 maggio, in concomitanza con la serata pro-Kenia, la sede CAI ospiterà una mostra fotografica dedicata allo Zambia, realizzata da Cristiano Bonassera, istruttore di escursionismo. L’esposizione sarà visitabile in viale Piacenza negli orari di apertura dell’associazione.

L’accesso ad incontri e mostra è libero per tutti.