Tempo di lettura: 3 minuti

Modena – Tanti appuntamenti all’’insegna del teatro per celebrare una grande attrice del passato come Virginia Reiter, coeva di Eleonora Duse e di Sarah Bernhardt, da cui era ammirata, interlocutrice di D’’Annunzio e prima interprete della Lupa di Verga.

Il Festival Virginia Reiter nasce nel 2007 da un’’idea del regista e sceneggiatore Giuseppe Bertolucci e da venerdì 22 a domenica 24 settembre Modena propone tre giorni di iniziative dedicate al “lavoro dell’attrice”, organizzate dall’Associazione di Promozione Sociale Virginia Reiter in collaborazione con ERT – Emilia Romagna Teatro Fondazione e sostenute e patrocinate da Comune di Modena, Regione Emilia Romagna, Mibact, BPER Banca, Fondazione Cassa di Risparmio di Modena e Amici dei Teatri modenesi.

Si comincia infatti venerdì 22 settembre alle ore 21.00 al Teatro delle Passioni con gli allievi della Scuola di Teatro Iolanda Gazzerro – laboratorio permanente per l’attore di ERT, che propongono “Scene da Madame Sans – Gêne” di Victorien Sardou e Emile Moreau, a cura di Nicola Bortolotti.

Un omaggio a Virginia Reiter, in quanto Madame Sans – Gêne era il celebre cavallo di battaglia della grande attrice modenese, e costituisce un esempio di drammaturgia oggi poco o nulla frequentata sui nostri palcoscenici ma che, proprio per questo, ha fornito un fertile terreno d’indagine per una nuova generazione di attori in formazione.

Sabato 23 invece, già a partire dalle ore 16, in Piazza della Pomposa a Modena hanno luogo le Masterclass sul lavoro di attrice con le interpreti Silvia Pernarella (finalista Premio Reiter nel 2015) e Debora Zuin (Premio Reiter nel 2003).

Alle ore 17.30 invece è la volta della Lectio Magistralis della grande attrice Francesca Benedetti, che si racconterà in un excursus dedicato al rapporto che le attrici hanno con il loro lavoro e la loro storia. L’appuntamento sarà introdotto da Laura Marinoni, direttrice artistica del Premio Virginia Reiter.

Alle ore 21 al Teatro delle Passioni la Civica Scuola di Teatro Paolo Grassi mette in scena “Dov’è la strada per le stelle”, un progetto didattico curato dal direttore dell’’accademia, Giampiero Solari che, a partire dalla struttura del Coro nella tragedia greca, utilizza testi e musiche di Lucio Dalla come ispirazione scenica, verbale e musicale.

Domenica 24 settembre, a partire dalle ore 16.30 presso il cinema Sala Truffaut, viene proiettato “Il fantasma della libertà” di Luis Buñuel, con una presentazione a cura di Maurizio Porro, giornalista già membro della giuria del Premio Reiter e Alberto Morsiani e la partecipazione di Milena Vukotic.

Alle ore 18.00 presso il Teatro Storchi sarà invece possibile incontrare le tre finaliste del Premio Reiter 2017 ovvero Petra Valentini, Roberta Caronìa e l’intero cast di attrici del progetto “Santa Estasi – Atridi: otto ritratti di famiglia”, diretto da Antonio Latella: Barbara Chichiarelli, Marta Cortellazzo Wiel, Mariasilvia Greco, Barbara Mattavelli, Federica Rosellini, Ilaria Matilde Vigna, Giuliana Vigogna.

A partire dalle ore 21.00 infatti, questa volta al Teatro delle Passioni, avrà luogo la XIII edizione del Premio Virginia Reiter, assegnato alla migliore attrice del panorama teatrale italiano nella fase iniziale della sua carriera.

Nel corso della serata sarà inoltre assegnato il V Premio Giuseppe Bertolucci alla migliore attrice internazionale tra le nuove generazioni e il Premio Virginia Reiter alla Carriera a Milena Vukotic, grande interprete del nostro tempo.

Finaliste del Bertolucci sono Hayley Squires, Florence Pugh e le tre attrici protagoniste del film israeliano “Libere, disobbedienti, innamorate”, ovvero Mouna Hawa, Sana Jammalieh e Shaden Kanboura.

A selezionare chi avrà saputo distinguersi nel corso dell’’ultima stagione teatrale e cinematografica una giuria di esperti presieduta da Ennio Chiodi – a cui Sergio Zavoli da quest’anno passa il testimone – e composta da Rodolfo Di Giammarco (la Repubblica), Gianfranco Capitta (il Manifesto), Maria Grazia Gregori (l’Unità) e Maurizio Porro.

La manifestazione, a ingresso libero e gratuito, coinvolge anche il Centro Sperimentale di Cinematografia di Roma attraverso la realizzazione di video tributo a Virginia Reiter e Giuseppe Bertolucci ed è realizzata dall’Associazione di Promozione Sociale Virginia Reiter di Modena in collaborazione con ERT – Emilia Romagna Teatro Fondazione.

Enti promotori e patrocinanti dell’’iniziativa sono il Comune di Modena e la Regione Emilia Romagna, BPER Banca, Fondazione Cassa di Risparmio di Modena, il MIBACT – Ministero dei beni e delle attività culturali e del turismo e Amici dei Teatri modenesi, oltre al Comune di Roma, il Teatro di Roma e la Regione Lazio,-

 

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Esegui l'operazione aritmetica prima di inviare *