Tempo di lettura: 2 minuti

Lonato del Garda (Brescia) – Dal 23 febbraio la psicologia è di casa in Biblioteca con tre incontri dedicati ad altrettanti temi di rilevante attualità, come la comunicazione efficace, i disturbi dell’apprendimento nei ragazzi e il fenomeno del bullismo.

Le tre serate organizzate dall’Assessorato alla Cultura, presso la sala della musica a Palazzo Zambelli, saranno tenuti dalla psicologa Maria Giovanna Massensini.

“Riproponiamo un miniciclo di tre incontri di psicologia – afferma il vicesindaco e assessore alla Cultura Nicola Bianchi –, con particolare attenzione all’ambito scolastico e familiare. Grazie alla dottoressa Massensini per tre giovedì tratteremo alcuni argomenti legati alla vita dei ragazzi confrontandoci anche sull’attualità e sulle esperienze dei presenti. L’ingresso è libero e aperto a tutti”.

Il primo incontro si terrà giovedì 23 febbraio e avrà come argomento centrale “La comunicazione e la relazione con i nostri figli”. Tutti sappiamo comunicare, ma quanto la nostra comunicazione può essere efficace? Con i figli, nell’ambiente familiare, nell’ambiente lavorativo, quali sono le strategie e le modalità per comunicare al meglio? A queste domande risponderà la dottoressa Massensini, perché una buona comunicazione è la base per una buona relazione, su cui costruire benessere e serenità, per affrontare efficacemente le situazioni difficili.

“Conoscere i bisogni educativi speciali e i disturbi specifici dell’apprendimento” è il titolo della seconda serata, giovedì 2 marzo, rivolta in particolare a insegnanti, genitori, educatori… che vogliono conoscere meglio il significato degli acronimi Bes, Dsa, Adhd… per potersi orientare nel vasto panorama della psicologia scolastica, conoscere le normative in atto, chiarire il significato del termine “inclusione”, per riuscire a convergere sul comune obiettivo di offrire ai bambini le migliori possibilità di sviluppo delle loro competenze.

Il terzo incontro, il 9 marzo, tratterà invece “Bullismo e cyberbullismo… per conoscere, comprendere, intervenire”. Questi due fenomeni sono oggi una drammatica realtà per molti bambini e ragazzi, e conoscere meglio le dinamiche e le manifestazioni di tali problemi permette a genitori, insegnanti, educatori di prevenire e individuare tempestivamente il problema, per sapere come intervenire e prestare il giusto aiuto a vittime e autori.

CONDIVIDI
Laura Simoncelli
Dopo il diploma di liceo scientifico, si laurea all’Univeristà Cattolica di Brescia nel 2004 in Lettere e Filosofia. Collabora con Fondazione Civiltà Bresciana e Bresciaoggi con stesura di articoli sportivi, cronaca e tempo libero. Dal 2004 al 2017 fa parte della redazione di popolis. E’ docente di italiano e storia presso le scuole medie e superiori

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Esegui l'operazione aritmetica prima di inviare *