Un regalo di compleanno si è trasformato in una bella scoperta. Qualche anno fa ho regalato a mio figlio l’abbonamento annuale al settimanale Internazionale.

In cambio ho ricevuto un albero di cacao, sistemato per l’occasione in una piantagione in Camerun. Un albero di cui posso seguire la crescita. Come? Con Treedom.

E oggi, 5 giugno, che è la Giornata mondiale dell’ambiente, se pianti un albero, Treedom raddoppia e te le regala un altro!

L’idea di un albero in regalo nasce proprio da questa start up fiorentina nata nel 2010 dalla mente di alcuni giovani con la voglia di migliorare il mondo. Un albero alla volta. Da allora sono stati piantati oltre 250mila alberi tra Senegal, Camerun, Malawi, Argentina, Haiti, Italia, Kenya, Burkina Faso.

Ognuno può regalare (o comprarsi) un albero. Un mandarino per il Senegal. Un mango per Haiti. Un avocado per il Kenia. Perfino un arancio in Italia.

L’idea di Treedom è al tempo stesso semplice come un albero e innovativa come la rete: permettere a chiunque di contribuire affinché un nuovo albero sia piantato nel mondo, attraverso un sito web trasparente ed interattivo.

È come un’adozione a distanza di un albero sebbene il contributo sia solo iniziale (fra i 9 e i 30 euro, dipende dalla specie scelta). Una volta scelto l’albero e il progetto, un contadino lo pianterà a nostro nome e se ne prenderà cura. Il nostro albero sarà fotografato: potremo vederlo sul nostro profilo (al sito bisogno registrarsi) grazie a Google Maps.

I progetti in Africa, Sud America e in tutto il mondo sono realizzati in prima persona dalla popolazione locale. Singoli contadini o piccole cooperative di agricoltori che ricevono un contributo economico per la piantumazione di nuovi alberi.