Tempo di lettura: 2 minuti

Ferrara. Tra sogliole e balene il weekend teatrale di Ferrara Off si tuffa nel mare profondo dell’evoluzione, il prossimo fine settimana, con tre appuntamenti dedicati al teatro ragazzi, alla prosa e al cinema. Sabato due divertenti proposte teatrali, una dedicata ai più piccoli e una agli adulti e la domenica la rassegna cinematografica “Appuntamenti al Cinema”, collegata agli spettacoli di danza contemporanea del progetto Focus Africa o delle identità negate a cura del Teatro Comunale di Ferrara.

Il programma:

Sabato 11 novembre due spettacoli: “Ma cosa mi balena in mente?” alle ore 16 e “Sogliole a piacere” alle ore 21 mostreranno allo spettatore che ci sono delle similitudini tra le scelte evolutive di alcune creature marine e le scelte che l’uomo compie durante la creazione della propria identità.

Il primo spettacolo ad andare in scena sabato 11 sarà una produzione di Ferrara Off, “Ma cosa mi balena in mente?”, scritto da Margherita Mauro ed interpretato da Matilde Buzzoni, Penelope Volinia e Giacomo Vaccari, per la regia di Giulio Costa. I tre giovani ragazzi, dopo aver intrattenuto con questa performance i visitatori del Museo di Storia Naturale di Ferrara e di Firenze, si troveranno ad andare in scena su un vero e proprio palco, davanti ad un pubblico di giovani spettatori. La performance indaga il rapporto tra la vita dei cetacei e quella di noi umani, passando attraverso le nozioni scientifiche e l’immedesimazione attraverso il gioco, arrivando a dimostrare che è lecito essere “diversi” e “speciali” a proprio modo, anche se per esserlo fino in fondo ci vorranno milioni di anni.

Sempre sabato 11 con ingresso alle ore 21 “Sogliole a piacere”: un brillante monologo autobiografico che vede in scena Gloria Giacopini, giovane attrice apprezzata da Maria Paiato, che ha saputo distinguersi anche tra le proposte del Festival di Microteatro Bonsai, al quale si era candidata con lo spettacolo “È successo che…” della compagnia “The Baby Walk”. “Sogliole a piacere”, nato come monologo di cabaret è ora un vero e proprio spettacolo, in cui Gloria Giacopini, tramite l’esempio della sogliola, animale che per natura si nasconde e scappa dal mondo che la circonda, è riuscita a portare in scena il suo vissuto di fughe e nascondigli, mantenendo il carattere fresco e comico dell’autoironia, evidente soprattutto nei personaggi che interagiscono con lei tramite una serie di video proiettati sul fondale.

Domenica 12 novembre invece si cambia atmosfera e, alle ore 18, sarà proiettato a Ferrara Off il film “Catch a fire”, ambientato nel Sudafrica dell’Apartheid e ispirato a fatti realmente accaduti. La proiezione, con ingresso libero, è parte della rassegna cinematografica “Appuntamenti al Cinema”, collegata agli spettacoli di danza contemporanea – progetto ‘Focus Africa o delle identità negate’ – a cura del Teatro Comunale di Ferrara.

CONDIVIDI
Valerio Gardoni
Giornalista, fotoreporter, inviato, nato a Orzinuovi, Brescia, oggi vive in un cascinale in riva al fiume Oglio. Guida fluviale, istruttore e formatore di canoa, alpinista, viaggia a piedi, in bicicletta, in canoa o kayak. Ha partecipato a molte spedizioni internazionali discendendo fiumi nei cinque continenti. La fotografia è il “suo” mezzo per cogliere la misteriosa essenza della vita. Collabora con Operazione Mato Grosso, Mountain Wilderness, Emergency, AAZ Zanskar.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Esegui l'operazione aritmetica prima di inviare *