Tempo di lettura: 1 minuto

Monte Isola, Brescia. “Tutto finisce nella vita. Questa è la cosa importante dei progetti come The Floating Piers!” parola di Christo.

Il genio della Land Art che ha trascinato sulle acque del Sebino 1.500.000 fruitori della sua arte.

Ora tutto svanisce, come ha detto l’artista: “nessuno la potrà possedere.” The Floating Piers svanirà evanescente come un sogno. Tra pochi giorni nulla resterà sul lago d’Iseo.

Le lunghe passerelle galleggianti che hanno fatto camminare sull’acqua un milione e mezzo di persone saranno smantellate.

L’opera d’arte distrutta? Nient’affatto, rimarrà per sempre, irripetibile, indimenticabile nella mente di coloro che ne hanno fatto parte, è questa l’essenza, la vita dell’opera: una breve vita materiale ed una lunga vita immateriale.

Una manciata di giorni, e notti, in cui siamo stati “tutti pazzi per Christo”!

CONDIVIDI
Valerio Gardoni
Giornalista, fotoreporter, inviato, nato a Orzinuovi, Brescia, oggi vive in un cascinale in riva al fiume Oglio. Guida fluviale, istruttore e formatore di canoa, alpinista, viaggia a piedi, in bicicletta, in canoa o kayak. Ha partecipato a molte spedizioni internazionali discendendo fiumi nei cinque continenti. La fotografia è il “suo” mezzo per cogliere la misteriosa essenza della vita. Collabora con Operazione Mato Grosso, Mountain Wilderness, Emergency, AAZ Zanskar.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Esegui l'operazione aritmetica prima di inviare *