Mi scrive Tyu, femmina, mano destra, 46 anni (recidiva dopo 7 anni)

grafo_tyu_46

Ringrazio la gentile Lettrice, che, 7 anni dopo, chiede un ulteriore referto ed, intelligentemente, manda la prima analisi effettuata.
Tutte le caratteristiche sono rimaste attive e valide, con accentuazione dell’intelligenza nell’intendere e della capacità dell’amorevolezza.

Il grado di ansia è cresciuto, ma non raggiunge livelli patologici. E’ una sana ansia da conoscenza.

Mi scrive “Purtroppo, molto spesso, sul nostro cammino incontriamo persone che sanno bene come approfittare delle nostre debolezze o forse buone caratteristiche. Mi piacerebbe che questo accadesse meno spesso, ma dovrei diventare più egoista, cattiva, fredda e tutto ciò che ne deriva”.
Ma, nonostante la disillusione insita in queste parole, oggi TYU è più forte, di 7 anni fa.
E’ più capace di rendersi conto delle strategia della vita.
Può cambiare la sua ottica? Sì.
Permane in lei (e permarrà sempre) il desiderio di dare, la generosità nel considerare fatti ed accadimenti: TYU sa perdonare. Ma, oggi, sa anche dire “BASTA”, dopo aver perdonato.
Sa chiudere le paratìe.

Una nuova forza è subentrata a sorreggere un Io ipotrofico dovuto (come già scrissi), con tutta probabilità, all’educazione di base. Non sarà mai, TYU, una approfittatrice , uno squalo. E, alla sua domanda su coloro che approfittano degli altri “Ma staranno veramente bene?” posso dire che alcuni stanno benissimo, perché non hanno remore, non hanno dubbi, non hanno rimorsi, altri somatizzano e soffrono fisicamente. Ma, coloro che mangiano la carne altrui hanno, solitamente, la scrittura molto grande, ampia anche in orizzontale, con aste rette o ritorte, e senza collegamenti tra grafemi e grafemi. A volte, hanno tratti ridondanti ed una leggera pendenza a destra, per una cordialità apparente e falsa quanto il loro cuore. Tutto il contrario della sua grafia, no?

Vorrei che TYU riflettesse su quanto è fortunata. Possiede buone doti ed ora sa anche evitare le cattiverie altrui. E se, per caso, ne fosse ancora oggetto, saprebbe come superare il momento.
Un consiglio: trovi qualcuno con cui sfogarsi, ogni tanto. Con cui ridere dell’umana precarietà e della becera, inutile cattiveria altrui.

Anna Grasso Rossetti
Dopo l'insegnamento mi sono dedicata alla libera professione di: psicologa, perito grafico, esperto del segno presso i Tribunali, docente di psicologia della scrittura, di comunicazione fattiva e tecniche di rilassamento, consulente in Sessuologia, psicologa dello Sport. Sono iscritta al Collegio Lombardo Periti Esperti e Consulenti.