Ogni giorno si buttano nella spazzatura montagne di oggetti. Anche cose che non hanno niente che non va o che potrebbero iniziare una ‘seconda vita’ con qualche semplice riparazione. Il problema è che le persone non sanno di poterlo farlo o hanno dimenticato come si fa.

E le aziende produttrici puntano sulla cosiddetta ‘obsolescenza programmata’ (oggetti progettati per durare il meno possibile e diventare rifiuto perché il mercato deve essere in continuo movimento).

I ‘Repair Cafè’ nascono proprio per rispondere a questo: promuovere la sostenibilità, evitando di disfarsi di oggetti che potrebbero ancora funzionare e recuperare una capacità, quella di aggiustare le cose, che si sta perdendo.

Di cosa si tratta? I ‘Caffè delle riparazioni’, come potrebbero essere chiamati in Italia, sono luoghi in cui si possono trovare attrezzi e materiali per riparare vestiti, mobili, biciclette, giocattoli, stoviglie, elettrodomestici e in cui incontrare elettricisti, sarte, carpentieri e meccanici.

Nei giorni di apertura, i visitatori possono portare i loro oggetti rotti e ripararli insieme agli ‘specialisti’, imparando come si fa. E chi non ha niente da aggiustare può unirsi al gruppo per una tazza di tè o caffè, aiutare gli altri o leggere un libro sul faidate.

L’idea di aprire un ‘Repair Cafè’ è venuta a Martine Postma, giornalista olandese che fin dal 2007 promuoveva la sostenibilità a livello locale nella sua città, Amsterdam. Il primo ‘Caffè’ ha aperto il 18 ottobre 2009 ed è stato un successo, tanto che Martine ha deciso di creare la Repair Cafè foundation, un’organizzazione non profit che dà supporto ai gruppi locali sia in Olanda che negli altri Paesi in cui ci sono persone che vogliono aprire un ‘Repair Cafè’.

Se 5 anni fa c’era un solo ‘Repair Cafè’ ad Amsterdam, oggi sono 750 in 18 Paesi del mondo, dall’Europa agli Stati Uniti, fino all’Australia, con volontari che riparano più di 13 mila oggetti ogni mese. E il loro numero è in crescita. Tra gli ultimi ad aprirli ci sono Cile, Giappone e, a breve, potrebbe aggiungersi l’Egitto.

Trovare uno spazio, individuare i riparatori e le attrezzature, preparare l’evento. Sono le 3 mosse da fare, secondo quando indicato sul sito  – che fornisce anche il kit tecnologico per iniziare – per aprire un ‘Caffè delle riparazioni’.

In Olanda è stata anche istituita la Giornata nazionale del ‘Repair Cafè’, il 30 giugno di ogni anno più di 100 volontari dei ‘Caffè’ si ritrovano per condividere le loro esperienze e insegnare ad altre persone a pensare prima di tutto a riparare.

Detto fra noi: nessun Repair Cafè è stato ancora aperto in Italia.

Redattore Sociale
Il Network di Redattore sociale raggruppa diverse iniziative di informazione, documentazione e formazione sui temi sociali. A promuoverle è la Comunità di Capodarco di Fermo, dal 1966 una delle organizzazioni italiane più attive nell’intervento a favore di persone in difficoltà e oggi diffusa in varie regioni. Motore di questa rete è la redazione dell’Agenzia giornalistica quotidiana Redattore sociale, nata nel febbraio 2001 ed oggi attiva su un portale web riservato agli abbonati.