Tempo di lettura: 2 minuti

Cremona. Ci si affida alle note della musica, che sa penetrare nell’animo, per presentare il prezioso operato dell’Associazione Occhi Azzurri Onlus. Martedì 1 ottobre presso il Teatro Filo il Kiwanis Club Cremona in collaborazione con la Società Filodrammatica Cremonese presentano un concerto dell’orchestra di Mandolini e Chitarre Città di Brescia, diretta dal Maestro Claudio Mandonico, e con la presenza del Maestro Ugo Orlandi, mandolinista di fama internazionale e uno dei massimi conoscitori degli strumenti a pizzico, e di Camilla Finardi. La serata ha il sostegno di Cassa Padana.

Per il Kiwanis Club, service internazionale a sostegno dell’infanzia e dei bambini, la serata sarà l’occasione per sostenere un’Associazione che porta un aiuto concreto a famiglie che hanno figli con disabilità nel neurosviluppo, rispondendo pienamente ai propri fini fondativi. Per la Società Filodrammatica, il più antico sodalizio culturale cittadino ancora in attività, essendo stato fondato nel 1801, proporre un concerto mandolinistico vuol dire far rivivere uno dei momenti più esaltanti del sodalizio: infatti a cavallo fra Ottocento e Novecento l’orchestra mandolinistica della Filodrammatica partecipò, risultando spesso vincitrice, ai più importanti concorsi sia nazionali che internazionali, essendo anche, e questo fu un vanto per il Sodalizio, la prima orchestra composta anche da una nutrita compagine femminile.

Sul palcoscenico del Filo si esibirà, appunto, l’orchestra di Mandolini e Chitarre Città di Brescia, che nasce verso la fine degli anni ’60 costituendosi poi come Associazione con il preciso intento di rivalutare la tradizione mandolinistica, attraverso il recupero della letteratura originale antica e la diffusione delle composizioni originali moderne. Il repertorio che verrà proposto spazierà dal classico con musiche di Evaristo Felice dell’Abaco, proponendo poi un adattamento da musiche verdiane, sino ad arrivare ad autori contemporanei come Angelo Figliolini, per concludere con un accattivante omaggio a Nino Rota, di cui quest’anno ricorre il quarantesimo della morte.

La serata, che avrà inizio alle ore 21 con ingresso libero e gratuito, è per far conoscere l’operato della Associazione Occhi Azzurri, fondata nel 2015 da Filippo Ruvioli e nata dall’esigenza di una famiglia di affrontare una patologia genetica rara di cui è affetto Orlando, uno dei figli. L’Associazione ha come finalità principale la promozione della crescita di Orlando e quella di bambini con patologia affine, verso l’autonomia personale, attraverso una serie di attività.

Occhi Azzurri Onlus è attiva nella divulgazione, approfondimento scientifico e aiuto alle famiglie che affrontano l’esperienza di malattie genetiche che portano a disabilità nel neurosviluppo dei bambini. Occhi Azzurri ha dato vita in pochi anni ad un centro estivo per bambini con queste problematiche e una serie di iniziative e convegni con specialisti medici su questi temi, nei quali le terapie sono ancora in via di definizione.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Esegui l'operazione aritmetica prima di inviare *