Tempo di lettura: 3 minuti

Un cartone animato per tutti: anche per chi non vede, per chi non sente e per chi vede e sente, ma in modo diverso. Cartoon Able è un progetto che sta mettendo le gambe, grazie a oltre 22 mila euro raccolti tramite la piattaforma di crowdfunding di Telecom Italia “WithYouWeDo”, dove è stato pubblicato come uno dei 12 progetti selezionati perché “fanno bene all’Italia”.

Mancano 14 giorni e 30 mila euro per raggiungere l’obiettivo e permettere al progetto di camminare davvero.

L’idea è della Casa editrice Puntidivista, una piccola impresa tutta al femminile nata a Rieti dall’esperienza di una cooperativa nata per rielaborare testi scolastici e non, adattandoli ai bambini con disabilità.

Fino al sorgere di questa nuova idea: “far entusiasmare i bambini per lo stesso cartone animato, accessibile per tutti”, spiegano le promotrici dell’iniziativa.

“Cosa c’è di più bello da bambini se non poter condividere sogni ed emozioni legati ai cartoni animati preferiti con gli altri? Avete mai provato a pensare come possa sentirsi un bambino sordo che è escluso da tutto ciò? Quanti di noi si sono mai chiesti come può un bambino sordo seguire le avventure di uno dei beniamini della tv?”.

Da queste domande, è spuntata l’idea di un cartone davvero per tutti: per chi non vede, per chi non sente e per chi guarda e sente in modo differente, come i bambini con autismo. Ed è nato così “Cartoon-Able”, che ha già il suo promo: 5 episodi di 5 minuti ciascuno, completamente accessibili grazie a una voce narrante, un interprete Lis ed altri piccoli accorgimenti.

“Abbiamo studiato, insieme alle associazioni con cui collaboriamo, le tecniche da implementare per rendere il cartone animato davvero per tutti – ci spiega Sara Colletti, presidente della casa editrice – Ed ecco allora l’idea di inserire un fumetto con l’interprete Lis, i sottotitoli perché non tutti i bambini sordi conoscono il linguaggio dei segni, la voce narrante per descrivere le scene prive di dialogo a beneficio dei bimbi non vedenti . E poi personaggi semplici e accattivanti. Ci siamo poi orientati per la scelta dei colori e la presenza di pochi particolari, per arrivare anche ai bimbi ipovedenti e autistici”.

Tra i protagonisti delle storie c’è Zampacorta, “un cagnolino con una zampina più corta delle altre – spiega ancora Colletti – Simpatico e divertente, rispettato e amato dagli altri personaggi, tanto che all’interno delle storie nessuno si accorge di questa ‘disabilità’, ma al tempo stesso il bambino disabile si può riconoscere in questo personaggio e sentirsi accettato e integrato. I personaggi del MagiRegno degli Zampa, già editi su carta stampata e supporti multimediali, sono prontissimi per questa nuova eccitante avventura, aspettano soltanto l’aiuto e la sensibilità di tutti”.

Il budget necessario per realizzare questi primi 5 episodi ammonta infatti a 52.000 euro, che la casa editrice confida di raccogliere tramite la piattaforma di crowdfunding: fino a questo momento, sono già 132 i donatori che hanno offerto il proprio contributo, per un totale di 22.630 euro raccolti fino a questo momento.

“È una sfida che coinvolge noi, ma anche tutta la società italiana. Il successo del progetto è ancora più determinante perché da esso dipende anche il lavoro di tante associazioni e persone che coinvolgiamo, pronte a collaborare attivamente per aiutarci a divulgare non solo il nostro progetto ma anche ovviamente un messaggio di inclusione e sensibilità verso le disabilità.

Non solo ma alcune sedi provinciali a partire da quella di Rieti dell’Ente Nazionale Sordi e i loro interpreti ci stanno aiutando a strutturare tecnicamente il progetto per la parte riservata ai sordi mentre il presidente della fondazione Lucia Guderzo si è detto disponibile a collaborare e sostenere il progetto e consigliarci nella parte relativa ai ciechi ed ipovedenti.

Sono molti gli educatori inseriti in associazioni nell’ambito dell’autismo che ci stanno già dando molti consigli e sostegno per diffondere l’iniziativa. Non appena verrà raggiunto il goal inizieremo a realizzare gli episodi. Speriamo con tutto il cuore di farcela!”. 

CONDIVIDI
Redattore Sociale
Il Network di Redattore sociale raggruppa diverse iniziative di informazione, documentazione e formazione sui temi sociali. A promuoverle è la Comunità di Capodarco di Fermo, dal 1966 una delle organizzazioni italiane più attive nell’intervento a favore di persone in difficoltà e oggi diffusa in varie regioni. Motore di questa rete è la redazione dell’Agenzia giornalistica quotidiana Redattore sociale, nata nel febbraio 2001 ed oggi attiva su un portale web riservato agli abbonati.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Esegui l'operazione aritmetica prima di inviare *