Tempo di lettura: 3 minuti

Pescarolo ed Uniti (Cremona) – Il Centro Yoga Orizzonti di via Masseroni in Pescarolo, guidato da Diego Barcellari, ci offre un’altra importante opportunità di conoscere personaggi provenienti da tutto il mondo, attraverso il racconto delle loro esperienze.

Non c’è la volontà di imporre ad alcuno il proprio pensiero, ma dare l’opportunità di conoscere altre realtà, altre culture. Questa volta sarà il Guru Sat Chella Carlos Michan a parlare sul tema “L’equilibrio degli elementi” e precisamente “terra, acqua, aria, fuoco” L’incontro programmato in collaborazione con la Biblioteca Comunale si svolgerà in sala Camozzi nella serata di sabato 19 ottobre.

E’ stato questo il pretesto per andare a trovare Diego che, dopo la sosta estiva, da metà luglio a metà settembre, ha ripreso l’attività del centro, per scambiare alcune parole in un momento nel quale la gente sta prendendo sempre più coscienza del tema “ambiente”, grazie certamente anche alla presenza della giovane Greta.

In merito chiediamo a Diego cosa ne pensa del personaggio del momento. Diego è pienamente d’accordo e pensa che siamo in tanti a riconoscere l’esattezza delle affermazioni di Greta. Certamente lascia altrettanto perplesso il fatto che Greta abbia tutte le porte aperte di fronte alla morte, nel disinteresse pressochè generale, di centinaia di attivisti e difensori dell’ecosistema. Il suo impegno è sempre perché le persone possano avere una loro opinione personale, non influenzata da fattori esterni, ma mantenere una propria volontà di ragionare.

L’attività del centro è iniziata da oltre 10 anni, dopo un esperienza di 35 nei quali ho girato il mondo, aprendo e aiutando ad aprire centri yoga, soprattutto in America latina e in Europa. Da un paio d’anni lo hanno invitato a New York per sostenere il gruppo locale, ma gli impegni locali ad oggi, gli hanno impedito di aderire a quell’invito. Diego ricorda che lo yoga è un valido aiuto per la vita di oggi sempre più frenetica, dando l’opportunità di conoscersi meglio e riconoscerci.

Tra le molte strade per raggiungere l’obiettivo è certamente d’aiuto la scuola di formazione dello spirito, che da molti anni aiuta le persone a conoscere e utilizzare strumenti che servono per affrontare meglio e con più serenità la vita. Siamo al 4° anno di attività di una scuola di naturopatia e quest’anno, a conclusione di un ciclo di 3 anni, si sono diplomati 12 naturopati che oggi hanno iniziato una loro attività.

Altro importante strumento è la meditazione, con momenti di semplicità e di ascolto, la nostra saggezza interiore diventa accessibile. Il centro offre la possibilità di conoscere anche l’alimentazione vegana e, se richiesto, è disponibile anche per l’organizzazione di cene e compleanni a base di piatti vegan.

“Sono inoltre referente – precisa Diego – del metodo Kousmine, uno strumento in più per affrontare vari tipi di malattie, ideato dalla Dottoressa Catherine Kousmine. Organizziamo trattamenti ayurveda ed estetici, con prodotti naturali e biologici nel rispetto di persona e ambiente. In un periodo di ferie in Sicilia, verso la quale ho sempre avuto un particolare interesse per i suoi collegamenti storici con la Magna Grecia e i popoli che hanno abitato quelle terre dai Cartaginesi ai Normanni, ho avuto modo di conoscere persone interessate alla salvaguardia della natura e tra questi uno dei curatori dei parchi naturali. Così ho portato le mie conoscenze in quella zona, costruendo una casa nel pieno rispetto dell’ambiente e da dove ho iniziato a sensibilizzare le mie conoscenze su uno stile di vita sano”.

Diego chiude la sua chiacchierata con un progetto ambizioso che vorrebbe mettere in programma per fine novembre, con un incontro sulla salute fisica e sull’ailimentazione, con la presenza di medici e esperti del settore, tra questi il Dottor Vasco Merciadri e Angelo Maria Di fede che vorrebbe portare anche a Pescarolo per la promozione di un convegno Regionale. Non possiamo che ringraziare Diego per la sua disponibilità e per il suo impegno nell’offrire alla nostra comunità e a tutto il territorio, un qualcosa di più, per farlo crescere culturalmente.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Esegui l'operazione aritmetica prima di inviare *