Tempo di lettura: 2 minuti

libro banca italiaAutorevoli esponenti di Banca d’Italia hanno curato la redazione di un libro che tratta delle Banche di Credito Cooperativo e hanno deciso di devolvere i proventi a Codesarrollo, diventando così “azionisti di donazione”.
La presentazione ufficiale del libro a Strà (Venezia) il 5 luglio 2002, presente il presidente della Federazione Italiana Banche di Credito cooperativo Avv. Alessandro Azzi.

La presentazione avverrà all’interno del  convegno dal titolo “Credito e sviluppo locale: il ruolo delle BCC/CRA nella competizione di sistema. Il confronto competitivo nelle banche locali. Il caso delle Banche di Credito Cooperativo.”

Il programma:
ore 16.00 – Saluta il dott. Amedeo Piva, Presidente della Federazione Veneta delle Banche di Credito Cooperativo
ore 16.15 – Introduce l’avv. Alessandro Azzi, Presidente della Federazione Nazionale delle Banche di Credito Cooperativo
ore 16.30 – Il dott. Claudio Clemente, Direttore superiore della Benca d’Italia, presenta il volume: “Il confronto competitivo nelle banche locali. Il caso delle Banche di Credito Cooperativo”
ore 17.00 – Intervengono: – il prof. Ferruccio Bresolin – il prof. MArio Bertolissi – il prof. FRancesco Zen
ore 18.30 – Dibattito
ore 19.00 – Conclusioni del prof. Francesco Cesarini e del dott. Amedeo Piva

Beatrice Bernardini, Martina Bignami, Claudio Clemente, Fabrizio Fabi, Alfonsina Orefice e Guido Pellegrini hanno realizzato questo studio traendo spunto dalle analisi ed approfondimenti condotti in preparazione d’interventi effettuati dalla Banca d’Italia in occasione di convegni e incontri di studio.
L’opera è stata curata da Claudio Clemente.

Le opinioni espresse sono tuttavia quelle degli autori e non implicano la responsabilità dell’istituto di appartenenza.

“Gli Autori devolvono i proventi dei loro diritti editoriali alla Cooperativa Codesarrollo, organismo che associa circa 800 Casse di microcredito in Ecquador e che sta costruendo, con il prezioso sostegno delle Banche di Credito Cooperativo italiane e dei loro organismi di categoria, un sistema finanziario etico alternativo, mirante al miglioramento delle condizioni di vita di Indios e Campesignos attreverso l’erogazione di microfinanziamenti che trettengono sul territorio la ricchezza creata”.