Tempo di lettura: 2 minuti

Cremona – Il Centro sociale culturale ARCI “Luogocomune” presenta il “Piccolo Festival del Fumetto”, promosso da Arcicomics in collaborazione con il Circolo Arcipelago, con il patrocinio di Arci Cremona. Mostre e incontri con autori, editori, studiosi di fama nazionale per tracciare un percorso attraverso alcuni tra gli ambiti più innovativi del fumetto italiano.

Si tratta di un punto di vista parziale” – precisa Massimo Galletti, 57 anni, cremonese, direttore artistico della manifestazione culturale, “che vuole valorizzare le produzioni indipendenti e i progetti editoriali innovativi”. Durante il Festival sarà possibile visitare una mostra articolata su più livelli, suddivisa in sedici sezioni per altrettanti autori e autrici.

Al piano più alto dell’edificio, con una splendida vista sui tetti di Cremona, sarà allestita un’esposizione dedicata alla carriera di Paolo Bacilieri, un autore molto apprezzato dagli appassionati. Intorno a Bacilieri, come a dialogare con un fratello maggiore, verranno proposti i lavori di quattro autori giovani ma già affermati: Davide Aurilia, Vincenzo Filosa, Silvia Rocchi, e Andrea Settimo. Una sala sarà dedicata a cinque autori giovanissimi e di sicuro interesse: Eliana Albertini, Davide Lupo, Francesco Saresin, Dario Sostegni.

Ancora, quattro sezioni sono dedicate a libri che affrontano temi importanti: “Non so chi sei” (Ed. Rizzoli Lizard) di Cristina Portolano e “Limoni” (Ed Coconino Fandango) di Emanuele Rosso, previsto anche un confronto tra i due per parlare di “sesso e relazioni ai tempi di Tinder”; “Figlio unico” di Vittorio Filosa, centrato su un adolescenza inquieta in una periferia del sud italiano; “Brucia” (Ed Rizzoli Lizard) di Silvia Rocchi racconta l’amicizia tra due donne sconvolte da un evento tragico; “Fedele alla linea” (Ed Becco Giallo) di Gianluca Costantini raccoglie brevi saggi di “graphic journalism” pubblicati su riviste internazionali, vera e propria summa delle contraddizioni del mondo contemporaneo. Gli ideali di verità, libertà e giustizia sono i capisaldi su cui si regge “Verdad” (Ed Coconino Fandango), graphic novel di Lorena Canottiere.

Da non perdere la performance/installazione molto particolare ispirata a “Cinema Zenith” (Ed Canicola) di Andrea Bruno: un percorso predisposto alla fruizione sensoriale del fumetto attraverso suoni, proiezioni, oggetti.

Da segnalare domenica 21 alle ore 11:00 “Lo stato delle cose”, con la presenza di Matteo Stefanelli, direttore di “Fumettologica”. Durante il Piccolo Festival del Fumetto saranno presenti stand espositivi di vari editori e autoproduzioni italiane ed europee. Non mancheranno i momenti musicali e le pause per un caffè o un aperitivo al bar del Circolo Arcipelago.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Esegui l'operazione aritmetica prima di inviare *