Tempo di lettura: 3 minuti

Breno (Brescia). Venerdì 10 febbraio il Teatro delle Ali di Breno ospita una data del tour di Parientes, il viaggio sonoro tra Italia e Argentina messo a punto da tre straordinari artisti come Peppe Servillo, Javier Girotto e Natalio Mangalavite, che tornano a collaborare dopo il successo del progetto Futbol, in un viaggio tra presente e passato, alla riscoperta delle radici comuni di due popoli, un cammino tra i ricordi.

Capita, a volte, di trovarsi dall’altro capo del mondo e di incontrare inaspettatamente qualcosa che ci appartiene e che avevamo dimenticato. Le proprie radici, ad esempio. È questa l’essenza più profonda di Parientes, che con la guida di tre straordinarie personalità artistiche condurrà lo spettatore in un viaggio dei ricordi, nelle persone, nell’immaginario di un popolo migrante che ha dato vita a una nuova cultura e, nel contempo, ha preservato la propria, portandovi nuova linfa. “I gruppi familiari – dichiara il trio – piccoli o grandi che siano, si rivelano custodi di un’umanità unica e universale. I tanos (diminutivo di napoletanos) son divenuti andini e viceversa, dando vita al nuovo che sa sempre di antico”.

Servillo Girotto Mangalavite al teatro delle ali di breno Cop2

Ecco allora nascere, nel tempo di un concerto, avventure d’amore, ricordi, intrecci sentimentali e, tra una milonga, un tango e una cumbia, emergono storie di vita vissuta, di fatiche quotidiane e voglia di riscatto, di legalità e di delinquenza e pure di tradizioni culinarie da esportare e mantenere come tratto imprescindibile e distintivo di una comunità.

Parientes è un lavoro che arriva a sei anni esatto dal successo di Futbol, il primo progetto che ha visto nascere la collaborazione artistica tra i tre. L’album, pubblicato da Egea, allarga così la personale ricerca musicale e letteraria di Servillo, Girotto e Mangalavite.

Servillo Girotto Mangalavite al teatro delle ali di breno3Peppe Servillo, nato a Caserta, è fondatore, cantante e autore dei testi del gruppo Avion Travel. Con il gruppo pubblica numerosi album e oltre ad altri numerosi riconoscimenti arriva nel 2000 la vittoria al Festival di Sanremo. È attore nel film “La felicità non costa niente” di Mimmo Calopresti e nel film “Tipota” scritto e diretto da Fabrizio Bentivoglio, con cui collabora anche come coautore dei testi.

Javier Edgrado Girotto, nativo di Cordoba (Argentina), comincia a studiare il sax all’età di dieci anni; percorso che lo porta a specializzarsi presso il Conservatorio Provinciale di Cordoba, diplomandosi come insegnante di sax e flauto traverso. All’età di 21 anni si trasferisce a Boston (USA) dove si diploma in Professional Music cum magna laude al Berklee College of Music. Fondatore e leader degli Aires Tango, coi quali ha registrato 7 album, la sua musica è un misto di tango, jazz, etnica, caratterizzato da molta improvvisazione, scrittura e arrangiamento. Parallelamente collabora con il quintetto di Roberto Gatto (batteria) col quale suona ormai da 8 anni. Ha suonato anche con Rita Marcotulli, Enrico Rava, Paolo Fresu, Gianluca Petrella, Bebo Ferra, Antonello Salis, Gianni Coscia, Peppe Servillo, Furio di Castri, Tony Scott, Arto Tuncbovacivan, Carlo Rizzo, Aldo Romano, Luis Agudo, Maurizo Gianmarco, Stefano Battaglia, Michel Godard, Anouar Brahem, Gianluigi Trovesi e molti altri.

Natalio Luis Mangalavite, argentino, vive da quasi vent’anni in Europa, dove ha lavorato in svariate cornici musicali nell’ambito della musica pop e jazz. Ha accompagnato per quasi 15 anni Ornella Vanoni nei suoi concerti e ha lavorato al fianco di altri musicisti jazz e world come Paolo Fresu, Horacio del negro Hernandez, Furio di Castri, Antonello Salis, Michele Ascolese (progetto tango Luis y Miguel), il dj Pierandrea.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Esegui l'operazione aritmetica prima di inviare *