Tempo di lettura: 2 minuti

Un videogioco, pensato da uno psichiatra e destinato a esperti e genitori, per entrare in contatto con i giovani e gli adolescenti in difficoltà.

Questa l’idea di Xavier Pommereau, medico psichiatra che dichiara a La Croix: “Da cinque anni e dall’arrivo di facebook in Francia, gli adolescenti in difficoltà non sopportano più il rapporto tradizionale faccia a faccia con uno psichiatra”.

Da qui quindi nasce il gioco elettronico, “Clash back”, pensato per entrare in contatto con questa generazione iperconnessa, parlando dei loro problemi con realismo e un approccio empirico.

Il primo episodio, disponibile per mac e pc dai primi di dicembre, mette in scena Chloé, una ragazza di 16 anni, che segue lo stile dark e che cerca di negoziare con il padre l’autorizzazione a farsi tatuare una salamandra.

Per ottenere il suo scopo la ragazza virtuale può utilizzare diversi comportamenti, che fuori dal gioco servono a creare un ritratto del giocatore – dunque dell’adolescente – che impostando le domande di Chloe mostra il suo modo di relazionarsi e di comportarsi. Così, in un secondo momento, lo psichiatra può interpretarli e trovare un modo per entrare in contatto con le difficoltà ed i problemi dei giovani pazienti.

Ma “Clash back non vuole moralizzare. E’ un supporto per sdrammatizzare i rapporti con gli esperti”, precisa Pommereau.

I primi risultati, testati su 500 giovani, sono incoraggianti. Giocando infatti, sempre accompagnati da un medico, gli adolescenti in crisi si lasciano andare ed evocano rapidamente i loro conflitti con i genitori, i loro problemi. Soprattutto riescono a prendere le distanze dai propri eccessi.

“La durezza dei dialoghi nel gioco ha avuto un effetto specchio su di me e mi ha fatto prendere coscienza della necessità di essere meno aggressiva con i miei” racconta Julie, ragazza di 17 anni arrivata al centro gestito da Pommereau in seguito ad un tentato suicidio. Per la ragazza il videogioco è stato un modo per sbloccarsi: “Adesso ho voglia di giocarci con i miei genitori per fargli capire alcune cose che non riesco a dirgli direttamente”.

Il gioco, che ha per target ragazzi dagli 11 ai 21 anni, può essere utilizzato individualmente o in gruppo, sempre seguiti da esperti dell’adolescenza. Adesso l’obiettivo è quello di creare un nuovo episodio, questa volta dedicato agli adulti, per imparare a gestire le situazioni di autolesionismo tra gli adolescenti.

CONDIVIDI
Redattore Sociale
Il Network di Redattore sociale raggruppa diverse iniziative di informazione, documentazione e formazione sui temi sociali. A promuoverle è la Comunità di Capodarco di Fermo, dal 1966 una delle organizzazioni italiane più attive nell’intervento a favore di persone in difficoltà e oggi diffusa in varie regioni. Motore di questa rete è la redazione dell’Agenzia giornalistica quotidiana Redattore sociale, nata nel febbraio 2001 ed oggi attiva su un portale web riservato agli abbonati.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Esegui l'operazione aritmetica prima di inviare *