Tempo di lettura: 3 minuti

Si rinnova il tradizionale appuntamento di solidarietà promosso dall’AIL e posto sotto l’Alto Patronato del Presidente della Repubblica. Dal 5 all’8 dicembre tornano le Stelle di Natale in più di 4000 piazze italiane per aiutare l’AIL nella lotta contro le leucemie, i linfomi e il mieloma.

Locandina AILLa manifestazione è realizzata grazie all’impegno di migliaia di volontari che offrono una piantina natalizia a tutti coloro che verseranno un contributo minimo associativo di 12 euro. Le Stelle di Natale sono tutte caratterizzate dal logo AIL.

Il denaro raccolto viene devoluto per:

  • sostenere la Ricerca attraverso il GIMEMA
  • potenziare il servizio di Assistenza Domiciliare
  • realizzare Case AIL
  • supportare i Centri di ematologia e di trapianto di cellule staminali
  • promuovere la formazione e l’aggiornamento professionale

__________________________________

L’AIL pone al centro della sua filosofia e della sua attività il malato e la sua famiglia, nel totale rispetto della persona e della dignità umana. I valori che la guidano sono la serietà e la correttezza nell’informazione medico-scientifica e nella comunicazione; l’efficacia e l’efficienza nell’attività di raccolta fondi e la trasparenza nella destinazione delle risorse; il rispetto e l’onestà nel rapporto con volontari e sostenitori, l’efficacia nel raggiungere gli obiettivi.

L’AIL è organizzata in 81 Sezioni provinciali, autonome sia da un punto di vista giuridico che amministrativo. La trasparenza con cui vengono utilizzati i fondi, nello stesso luogo dove sono raccolti, è alla base del suo  modo di operare. Grazie al contributo di milioni di sostenitori, l’AIL riesce a realizzare molti progetti.

  • Finanzia la ricerca attraverso il GIMEMA (Gruppo Italiano Malattie EMatologiche dell’Adulto), una fondazione no-profit per lo sviluppo e la formazione della ricerca scientifica,  che può contare sull’adesione di oltre 150 Centri di Ematologia presenti su tutto il territorio nazionale.
  • Realizza le case AIL vicine ai maggiori Centri di ematologia. Case di accoglienza pensate per ospitare i pazienti non residenti che devono affrontare lunghi periodi di cura, assistiti dai propri familiari. Sono 36 le Sezioni, in tutta Italia, che garantiscono il servizio di Casa AIL.
  • Organizza il servizio di assistenza e ospedalizzazione domiciliare per evitare il ricovero in ospedale a tutti i pazienti che possono essere curati nella propria casa con l’aiuto di familiari e amici. Il modo più efficace per migliorare loro la qualità della vita e per aiutarli a  lottare al meglio contro la malattia. Il servizio è offerto da 53 Sezioni in tutta Italia.
  • Realizza scuole e sale gioco in ospedale per consentire a bambini e ragazzi di non perdere il contatto con la realtà esterna, di continuare regolarmente gli studi e di non trascurare l’importanza del gioco nelle sue varie forme (ricreativa, esplorativa e costruttiva). Ambienti a misura di bambino, luoghi dove l’allegria, la sensibilità e il conforto sono assicurati grazie alla presenza e al sostegno psicologico di operatori e volontaridisponibili e preparati.
  • Sostiene la formazione e l’aggiornamento di medici, biologi, infermieri e tecnici di laboratorio attraverso l’erogazione di borse di studio, prestazioni professionali e contratti di lavoro a tempo determinato e indeterminato.
  • Promuove “Seminari per i pazienti” per garantire loro un confronto diretto con gli specialisti del settore e informazioni sempre aggiornate sulla loro malattia.
  • Collabora a sostenere le spese per assicurare il funzionamento dei Centri di ematologia e di Trapianto di cellule staminali. AIL garantisce finanziamenti per realizzare o ristrutturare ambulatori, day hospital, reparti di ricovero, per acquistare apparecchiature all’avanguardia e per finanziare personale sanitario che consenta il buon funzionamento delle strutture.
  • Aiuta i pazienti e i loro famigliari offrendo servizi per affrontare al meglio il percorso di malattia.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Esegui l'operazione aritmetica prima di inviare *