Tempo di lettura: 2 minuti

Pescarolo ed Uniti (Cremona) – In una giornata fredda, ma con un bel sole, si è svolta a Pescarolo la ricorrenza dedicata a Sant’Andrea, purtroppo la temperatura rigida non ha portato tanta gente alla festa. Già alla mattina presto i volontari di Pro Loco e G.S. erano impegnati a preparare sulla piazza i gazebi che avrebbero ospitato la gente intenzionata a degustare cotechino, caldarroste e vin brulè. Nel pomeriggio, come tradizione, avrebbero dovuto essere ospiti gli undici rossoblù di rientro dalla trasferta a San Giovanni in Croce.

In chiesa la Santa Messa celebrata da Don Thomas, accompagnato dal coro diretto da Dario con Enea e Paolo rispettivamente alla chitarra e all’organo. Oltre alla celebrazione della ricorrenza del Patrono, con l’esposizione della statua del Santo e con la presenza di molti bambini e genitori si è celebrata anche la prima Domenica d’Avvento che ha visto nei vari momenti, dall’offertorio, alle letture, alla raccolta delle offerte il coinvolgimento dei bambini stessi.

Nel pomeriggio sempre numerosi i tifosi che hanno seguito la squadra locale di calcio in trasferta a San Giovanni in Croce e che hanno poi dato vita ad un rientro, conseguente alla sconfitta, molto mesto, nonostante i volontari abbiano dato il meglio, cercando di alleggerire la situazione. Poca la gente in giro, a causa del freddo, che in prevalenza abbiamo trovato chiusa nei vari spazi al caldo.

Bene l’impegno delle volontarie dell’oratorio con le loro simpatiche proposte della “bancarella” che sarà aperta anche in occasione delle prossime festività. Soddisfatto comunque il responsabile avisino Mariani per le persone che hanno preso visione delle 26 opere esposte nella sala al primo piano e che l’autore, Marino Bocelli, si premurava di presentare ai visitatori.

Così pure si è espresso il Presidente ANCR Malaggi Massimo per le visite all’esposizione sulla prima Guerra Mondiale fatta nella Sala del Rattoppo e che ci riserviamo di illustrare a parte. Oltre ai 200 pezzi esposti tra documenti e copertine della Domenica del Corriere, molto interesse hanno suscitato i particolari presepi realizzati dalla paziente e brava signora Rosa e il contenuto raccolto nei vari raccoglitori e riguardante le mostre fatte negli anni precedenti e il resoconto del viaggio a Mauthausen e al quale partecipò anche una delegazione della locale A.N.C.R. per portare una targa alla memoria del concittadino Rosolino Masseroni, morto nel sottocampo di Gusen. Ricordiamo che la mostra resterà aperta fino a domenica 10 settembre con gli stessi orari 9/12- 15/18 e nei giorni feriali su prenotazione.