Sabbioneta, Mantova. “Signore di bello e ricco stato, ma d’animo, di valore, di prudenza, d’intelletto superiore alla sua propria fortuna e degno di essere paragonato co’ maggiori e più gloriosi principi de’ secoli passati” così Torquato Tasso parlava del duca Vespasiano Gonzaga, amate d’arte ma anche di libri e letteratura. La ricchissima biblioteca di Vespasiano superava di gran lunga quelle degli altri principi del tempo, a testimonianza di come egli stimasse la letteratura al pari dell’arte, della pittura e dell’architettura.

Sabato 7 aprile, a Sabbioneta, alle ore 17 nella Sala Rosa di Palazzo Forti, si terrà la conferenza storica “Una Bibbia per il duca”. Le relatrici sono due studiose esperte in fonti archivistiche e di antichi libri a stampa: Giuseppina Bacchi appassionata ricercatrice di storia medievale e della prima età moderna e Federica Dallasta che si occupa in particolare dello studio dell’età moderna.

Un documento, reperito tra i fondi dell’Archivio di Stato di Parma, ci conferma la passione del signore di Sabbioneta per i libri e ci informa anche del probabile acquisto da lui effettuato di una importante Bibbia poliglotta. Seguendo alcune piste d’indagine, Giuseppina Bacchi nel suo intervento “Il documento ritrovato e un’indagine in corso” cercherà di ricostruire il percorso che potrebbe aver compiuto l’opera dopo la dispersione della raccolta libraria del duca.

Invece Federica Dallasta, nel suo intervento “La Bibbia proposta a Vespasiano: redazione, censura e circolazione” illustrerà la proposta, fatta da un libraio di Cremona a Vespasiano, per l’acquisto della Bibbia poliglotta, un’edizione di grande pregio in otto volumi, arricchita da preziose incisioni e detta “regale”, perché finanziata dal re di Spagna Filippo II.

Non possiamo essere certi che Vespasiano abbia accettato la proposta del libraio cremonese perché mancano le prove inconfutabili dell’acquisto e perché questa edizione della Bibbia aveva insospettito i censori del papa Paolo V. Quindi è possibile che siano arrivati a Sabbioneta solo il 1° e il 7° volume, inviati dal libraio per far conoscere al duca l’opera. L’ipotesi dell’acquisto di tutti i volumi rimane comunque aperta.

La conferenza, coordinata da Alberto Sarzi Madidini, è organizzata in collaborazione con il Comune di Sabbioneta, rappresentato dal sindaco e assessore alla cultura Aldo Vincenzi, gode del patrocinio della Associazione Pro Loco.

L’ingresso è libero e gratuito.