Tempo di lettura: 2 minuti

Padernello, Brescia. Le antiche sale della gentilizia dimora del castello di Padernello nelle lunghe sere d’estate paiono votate ad ospitare eleganti cene, dove rigenerare lo spirito immerso nella bellezza senza tempo e dove il palato può deliziare di una cena principesca.

Una favola che diviene realtà giovedì 4 Luglio alle ore 20 con la cena esclusiva ideata e preparata dallo chef  Massimo Spigaroli, dell’Antica Corte Pallavicina è uno dei più importanti chef emiliani. Suo è il culatello più rinomato al mondo:  il principe Carlo d’Inghilterra ne ha richiesto il segreto. La cena è aperta a tutti, con previa prenotazione, visto i posti limitati.

Non una cena qualunque, Spigaroli è infatti uno dei più importanti chef emiliani, così radicato sul suo territorio da essere capace di tradurne i frutti in preziosi gioielli. La cena in Castello inizierà proprio il famoso culatello, il re dei salumi.

Durante la cena lo chef racconterà i suoi piatti, le materie prime utilizzate, le tecniche di preparazione e lo stretto legame con il territorio.  All’arrivo nelle salette antistanti piccole stuzzicherie con il suddetto Culatello degli Spigaroli, il salame gentile, lo Spigarolino, la pancetta di suino nero di Parma, la spalla cotta, direttamente dalle cantine del 1320 dell’Antica Corte Pallavicina.

A tavola si potranno degustare il crudo di bue bianco parmigiano e germogli d’inizio estate e i tagliolini della tradizione alle erbe e culatello croccante. Come secondo, invece, il filettino di Nero Spigaroli intramezzato di tosone e culatello con ortaggi croccanti. Infine, come dolce, avremo la spuma allo yogurt, fondente di albicocche sciroppate e morbido di mandorle. Per la serata saranno serviti i vini:  Brut Franciacorta e Rosso  Botticino Doc – Az.Agr.Noventa. Il caffè e i digestivi  saranno a cura del Castello.

Un appuntamento imperdibile grazie al quale la Fondazione Castello di Padernello vuole sostenere i costi dell’impianto di illuminazione del mastio, la torre più alta del Castello, da cui ammirare il paesaggio offerto dal borgo agricolo e dalla campagna, riaperto al pubblico per visite speciali a partire dallo scorso anno. L’illuminazione è a cura dell’Agenzia Formativa Don Tedoldi Lumezzane sotto la guida del professor Cristian Bonera nell’ambito del progetto “Verso il borgo” di alternanza scuola lavoro sostenuto dall’Associazione Artigiani di Brescia e dalla Camera di Commercio di Brescia. L’iniziativa “Cena con gli chef” è all’interno del progetto di Cultura sostenibile che vuole attrarre nuove forme di pubblico, trasformandosi anche in una innovativa e raffinata forma di raccolta fondi.

CONDIVIDI
Valerio Gardoni
Giornalista, fotoreporter, inviato, nato a Orzinuovi, Brescia, oggi vive in un cascinale in riva al fiume Oglio. Guida fluviale, istruttore e formatore di canoa, alpinista, viaggia a piedi, in bicicletta, in canoa o kayak. Ha partecipato a molte spedizioni internazionali discendendo fiumi nei cinque continenti. La fotografia è il “suo” mezzo per cogliere la misteriosa essenza della vita. Collabora con Operazione Mato Grosso, Mountain Wilderness, Emergency, AAZ Zanskar.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Esegui l'operazione aritmetica prima di inviare *