Tempo di lettura: 2 minuti

Padernello, Brescia. Non capita spesso di sedersi a tavola tra le mura di un castello, se poi il castello è quello di Padernello la magia raddoppia. Di conseguenza è bene riservare un posto a tavola per la cena speciale di giovedì 31 gennaio nelle magnifiche stanze del Castello di Padernello a cura del ristorante Gaudio di Barbariga dei Fratelli Papa, uniti dalla passione per l’enogastronomia. La cena è a posti limitati e necessita della prenotazione.

La filosofia del ristorante della bassa bresciana si sintetizza in tre parole: territorio, ricerca, evoluzione. La raffinata cucina di Gaudio è creativa e innovativa, unita ad una particolare attenzione al territorio, alla sua storia e ai prodotti che esso offre.

La sua cucina si sposa in modo armonico col Castello di Padernello, con la sua storia e le sue peculiarità. Verrà infatti proposto un menù di cacciagione: il maniero risulta residenza di caccia sin dal Settecento, come dimostrato da diverse carte e animali impagliati trovati tra le sue stanze. I fratelli Papa ci accompagneranno in un viaggio alla scoperta di antichi sapori e tradizioni della pianura padana.

La storia ormai quasi ventennale dei fratelli Papa comincia nel 2002 con l’apertura del ristorante “Spirito DiVino” a Comezzano per proseguire nel 2009 con il progetto “Ristorante Castello” nel 2009 a Dello. Nel 2012 il loro connubio culinario si concretizza al ristorante Gaudio, appunto, a Barbariga, il quale per due anni, nel 2017 e 2018, è stato insignito di Due Forchette della guida Gambero Rosso.

Nell’anno appena trascorso, il 2018, aderiscono a Cibo di Mezzo, un’iniziativa di un gruppo di ristoratori affini per proposta, cultura e visione, volta a sostenere il buon cibo e le scelte sul territorio. Scelte testimoniate e supportate da produttori selezionati, che diventano partner e sostenitori di proposte precise, spesso uniche, consapevoli e sostenibili.

L’iniziativa è realizzata con il contributo del bando Cultura Sostenibile di Fondazione Cariplo.

Costo cena: 70 euro, per info e prenotazioni: 030 9408766

CONDIVIDI
Valerio Gardoni
Giornalista, fotoreporter, inviato, nato a Orzinuovi, Brescia, oggi vive in un cascinale in riva al fiume Oglio. Guida fluviale, istruttore e formatore di canoa, alpinista, viaggia a piedi, in bicicletta, in canoa o kayak. Ha partecipato a molte spedizioni internazionali discendendo fiumi nei cinque continenti. La fotografia è il “suo” mezzo per cogliere la misteriosa essenza della vita. Collabora con Operazione Mato Grosso, Mountain Wilderness, Emergency, AAZ Zanskar.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Esegui l'operazione aritmetica prima di inviare *