Tempo di lettura: 2 minuti

Legambiente lancia un appello e una campagna per salvare gli ultimi orango dall’estinzione e il loro habitat: le foreste equatoriali rase per far posto alla coltivazione dell’olio di palma che finisce nei motori delle nostre automobili.

In Italia il 95% del biodiesel è prodotto con olio di palma, l’olio vegetale notoriamente responsabile della deforestazione delle foreste equatoriali e della riduzione di biodiversità. Peccato che la maggior parte degli italiani non sa di mettere questa materia prima nei propri serbatoi quando va a fare rifornimento.

E così se negli ultimi anni l’uso dell’olio di palma negli alimenti e nelle sostanze chimiche sta diminuendo grazie alla pressione dei consumatori, quello usato per il biodiesel è invece quadruplicato.

“Senza contare che l’Unione Europa prevede dei sussidi su questa pratica e definisce questi carburanti ‘green’. I biodiesel a base di olio di palma, però, di sostenibile e verde hanno ben poco”  afferma Legambiente.

Con l’espansione delle piantagioni di palme da olio, milioni di ettari di foresta pluviale sono stati infatti distrutti. E con essi spariscono specie di animali uniche, come gli orango, a rischio d’estinzione, che vivono nelle foreste del Borneo, tra Malesia e Indonesia.

Ogni giorno, a causa della deforestazione da olio di palma, muoiono 25 orango. Questi primati non hanno più di che nutrirsi e, quando si avvicinano ai frutti delle palme, vengono uccisi. E con loro un gran numero di specie che abitano le foreste del Sud-Est Asiatico.

Per questo Legambiente promuove in tutta Italia #SAVEPONGOnell’ambito della campagna europea #NotInMyTank lanciata da una coalizione di ONG e invita tutti a firmare la petizione.

CONDIVIDI
Valerio Gardoni
Giornalista, fotoreporter, inviato, nato a Orzinuovi, Brescia, oggi vive in un cascinale in riva al fiume Oglio. Guida fluviale, istruttore e formatore di canoa, alpinista, viaggia a piedi, in bicicletta, in canoa o kayak. Ha partecipato a molte spedizioni internazionali discendendo fiumi nei cinque continenti. La fotografia è il “suo” mezzo per cogliere la misteriosa essenza della vita. Collabora con Operazione Mato Grosso, Mountain Wilderness, Emergency, AAZ Zanskar.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Esegui l'operazione aritmetica prima di inviare *