Tempo di lettura: 2 minuti

Ferrara. Entrare nei laboratori dove si lotta, ogni giorno, per sconfiggere una malattia rara, incurabile e terribile come l’atassia e conoscere da vicino il lavoro dei ricercatori. Questo l’obiettivo dell’iniziativa “Porte Aperte sulla Ricerca”. Organizzata da Fondazione A.C.A.RE.F., Aisa Ferrara e Università di Ferrara in programma  il prossimo venerdì 5 luglio presso i laboratori di ricerca del Dipartimento di Scienze Chimiche e Farmaceutiche dell’Università di Ferrara.

Il programma di “Porte Aperte sulla Ricerca” prevede, in mattinata a partire dalle 9.30, una conferenza durante la quale i malati, le loro famiglie e i cittadini potranno conoscere le ricercatrici che stanno lavorando per trovare una cura all’atassia (Atassia Spinocerebellare SCA1 e SCA2) e visitare insieme a loro i laboratori di ricerca.

Un’opportunità unica per conoscere da vicino l’equipe multidisciplinare che sta lavorando al progetto di ricerca su più fronti: dalla neurologia alla genetica, dalla fisioterapia all’assistenza ai malati.

All’evento interverranno: Peggy Carla Rafaella Marconi, responsabile scientifico del progetto di ricerca presso il Dipartimento di Scienze Chimiche e Farmaceutiche dell’Università di Ferrara; Francesca Salvatori e Mariangela Pappadà, ricercatrici del progetto sulle atassie spinocerebellari di tipo I e II (SCA1 e SCA2); Valeria Tugnoli, direttore responsabile del reparto di Neurologia dell’Azienda Ospedaliera Universitaria di Ferrara; Alessandra Ferlini, neurologa genetista presso la Genetica Medica dell’Università di Ferrara; Nino Basaglia, direttore del reparto di Medicina Riabilitativa dell’Azienda Ospedaliera Universitaria di Ferrara; Sergio Buja, dirigente Medico del reparto di Medicina Riabilitativa di Ferrara.

Un’intera comunità scientifica si sta dunque impegnando per dare ai malati una speranza concreta di sconfiggere la malattia ed è giusto che queste persone siano punti di riferimento conosciuti e “familiari”, come spiega Silvio Sivieri, presidente della Fondazione A.C.A.RE.F. e di AISA Ferrara, sostenitori del progetto di ricerca.

“Dare l’opportunità agli ammalati, alle loro famiglie e a tutta la cittadinanza di poter vedere di persona il lavoro che viene svolto nei laboratori dell’Università di Ferrara e potersi confrontare con l’equipe coinvolta in questo ambizioso e innovativo studio, è il modo scelto da ACAREF per avvicinare malati e ricercatori . Da quest’anno è entrata a far parte del nostro team di ricerca la Dott.ssa Mariangela Pappadà, una giovanissima ricercatrice che inizierà lo studio su SCA2 e che darà un ulteriore contributo al progetto di ricerca sulle sindromi atassiche. Una speranza duplice per i malati che soffrono di queste due forme di atassia, entrambe altrettanto terribili e incurabili” conclude Sivieri.

Per chi fosse interessato a partecipare all’iniziativa o ricevere maggiori informazioni può contattare la Fondazione al seguente numero 3312744091.

CONDIVIDI
Valerio Gardoni
Giornalista, fotoreporter, inviato, nato a Orzinuovi, Brescia, oggi vive in un cascinale in riva al fiume Oglio. Guida fluviale, istruttore e formatore di canoa, alpinista, viaggia a piedi, in bicicletta, in canoa o kayak. Ha partecipato a molte spedizioni internazionali discendendo fiumi nei cinque continenti. La fotografia è il “suo” mezzo per cogliere la misteriosa essenza della vita. Collabora con Operazione Mato Grosso, Mountain Wilderness, Emergency, AAZ Zanskar.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Esegui l'operazione aritmetica prima di inviare *