Tempo di lettura: 2 minuti

Nell’anno dell’EXPO e dopo il successo della manifestazione “Golosaria” tenutasi a Milano negli ultimi week end di ottobre (vedi articolo Popolis Un week end per golosi), per accompagnare l’ultima fase dell’esposizione mondiale dedicata al cibo, ecco fresco di stampa il “Taccuino dei ristoranti d’Italia” (Comunica Edizioni).taccuino_cover

Gli autori Paolo Massobrio e Marco Gatti hanno setacciato il Bel Paese alla ricerca delle buone tavole, di cucine che sfornano ottimi cibi con attenzione alle tradizioni e ai prodotti locali. Ne hanno catalogate ben 2060 fra ristoranti, trattorie, aziende agrituristiche e locali di tendenza dove fermarsi a mangiare, secondo le rotte di una squadra di 80 collaboratori capitanati dai due critici. Nasce così il Gatti Massobrio, che porta i cognomi degli autori, come in Francia la Gault&Millau.

– Ma parlare di Francia non può che riportarci ad un’altra storica guida, la Michelin, che a nostro avviso non rende ragione fino in fondo della qualità diffusa della nuova cucina italiana – dicono gli autori – E se la Michelin destina le stelle, il Gatti Massobrio dà la corona radiosa alle tavole perfette, con la valutazione dei faccini più o meno sorridenti che il critico gastronomico Edoardo Raspelli utilizzò all’inizio della sua carriera giornalistica – Il Gatti Massobrio, che nasce dai 24 anni di esperienza della GuidaCriticaGolosa, è un taccuino di appunti preziosi per fare una sosta piena di soddisfazione. Spiccano nel Taccuino molti luoghi del nostro territorio, dal cremonese al mantovano, dal parmense al veneto o alla Val Trompia.

Ma c’è un valore aggiunto, la guida interagisce col web: ogni regione reca un QR code che porta alle pagine corrispondenti sul portale ilgolosario.it, aggiornate in tempo reale. Per ogni locale una breve descrizione dell’atmosfera e della storia del locale, l’elenco dei piatti che hanno colpito di più gli ispettori. A seguire una serie di informazioni sul locale, che spaziano dalla possibilità di pernottamento alla presenza di un posteggio, dall’accoglienza degli animali alla presenza di una SPA, dai tavoli all’aperto alla possibilità di accogliere un animale fino all’icona che indica il locale aperto alla domenica sera. Le tipologie di classificazione dei locali sono: ristoranti, trattorie di lusso, trattorie veraci, agriturismi, pizzerie con la specificità dei locali polifunzionali e dei negozi con ristoro. Il massimo riconoscimento attribuito è la corona radiosa.

Buona lettura, anzi buon appetito!

CONDIVIDI
Valerio Gardoni
Giornalista, fotoreporter, inviato, nato a Orzinuovi, Brescia, oggi vive in un cascinale in riva al fiume Oglio. Guida fluviale, istruttore e formatore di canoa, alpinista, viaggia a piedi, in bicicletta, in canoa o kayak. Ha partecipato a molte spedizioni internazionali discendendo fiumi nei cinque continenti. La fotografia è il “suo” mezzo per cogliere la misteriosa essenza della vita. Collabora con Operazione Mato Grosso, Mountain Wilderness, Emergency, AAZ Zanskar.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Esegui l'operazione aritmetica prima di inviare *