Tempo di lettura: 1 minuto

Paderna (Piacenza) – Su il sipario sulla fiera dei Frutti Antichi, la rassegna di piante, fiori e frutti dimenticati, prodotti di alto artigianato, promossa dal FAI – Fondo Ambiente Italiano e realizzata, in collaborazione con il Castello di Paderna e il Comitato FAI di Piacenza.

Alla rassegna è presente da anni anche il Consorzio agrituristico mantovano, che attende nel suo spazio per presentare la manifestazione Di zucca in zucca, giunta alla sua ventesima edizione, e la nuova pubblicazione dedicata all’evento.

La zucca è prezioso patrimonio mantovano da molto tempo, ma da 20 anni a questa parte il Consorzio agrituristico mantovano, con la manifestazione Di zucca in zucca, ha contribuito a diffondere la conoscenza della cucurbitacea e a farla apprezzare nei suoi numerosi aspetti anche oltre i confini virgiliani.

E questo traguardo importante cade proprio nell’anno in cui Mantova è stata nominata capitale italiana della cultura, che non è da intendersi esclusivamente in senso letterario, storico, artistico e scientifico, poiché va reso onore, senza alcun dubbio, alla cultura meno scontata, quella della terra e della cucina.

La zucca, in questo senso, è emblema mantovano per eccellenza, e fu proprio per celebrarla degnamente che 20 anni fa nasceva Di zucca in zucca.

CONDIVIDI
Laura Simoncelli
Dopo il diploma di liceo scientifico, si laurea all’Univeristà Cattolica di Brescia nel 2004 in Lettere e Filosofia. Collabora con Fondazione Civiltà Bresciana e Bresciaoggi con stesura di articoli sportivi, cronaca e tempo libero. Dal 2004 al 2017 fa parte della redazione di popolis. E’ docente di italiano e storia presso le scuole medie e superiori

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Esegui l'operazione aritmetica prima di inviare *