Paderna (Piacenza) – Su il sipario sulla fiera dei Frutti Antichi, la rassegna di piante, fiori e frutti dimenticati, prodotti di alto artigianato, promossa dal FAI – Fondo Ambiente Italiano e realizzata, in collaborazione con il Castello di Paderna e il Comitato FAI di Piacenza.

Alla rassegna è presente da anni anche il Consorzio agrituristico mantovano, che attende nel suo spazio per presentare la manifestazione Di zucca in zucca, giunta alla sua ventesima edizione, e la nuova pubblicazione dedicata all’evento.

La zucca è prezioso patrimonio mantovano da molto tempo, ma da 20 anni a questa parte il Consorzio agrituristico mantovano, con la manifestazione Di zucca in zucca, ha contribuito a diffondere la conoscenza della cucurbitacea e a farla apprezzare nei suoi numerosi aspetti anche oltre i confini virgiliani.

E questo traguardo importante cade proprio nell’anno in cui Mantova è stata nominata capitale italiana della cultura, che non è da intendersi esclusivamente in senso letterario, storico, artistico e scientifico, poiché va reso onore, senza alcun dubbio, alla cultura meno scontata, quella della terra e della cucina.

La zucca, in questo senso, è emblema mantovano per eccellenza, e fu proprio per celebrarla degnamente che 20 anni fa nasceva Di zucca in zucca.