Tempo di lettura: 2 minuti

Due giorni ci ho messo per poter mettere insieme queste righe e questo Storify.

Due giorni per raccogliere le forze e per poter offrire non solo notizie e immagini, ma anche momenti di riflessione che possano andare oltre il pianto e la rabbia.

Due giorni per metabolizzare la paura per un figlio che vive fra Parigi e Bruxelles e che quella sera di venerdì, mentre iniziava la mattanza, era appena arrivato alla Gare du Nord e stava camminando per andare nella sua piccola casa, nel 18° arrondisment, dopo tanti anni vissuti a Barbès, un quartiere simbolo della vita civile e comune fra “noi e loro”.

Due giorni per rendermi conto che questo è stato davvero, come scrive Lettera43, un attacco a una generazione di giovani cosmopoliti. La generazione Erasmus, la generazione dei dottorandi e di chi ha scelto di vivere altrove.

La generazione che frequenta il Bataclan e il Petit Cambodge, un  ristorante meta di giovani di tutto il mondo e di tutte le religioni. Insieme senza diversità alcuna.

La generazione dei miei figli. 

Due giorni per trovare la forza di mettere nero su bianco un nome: Valeria Solesin.

Aveva 28 anni Valeria. Era una ragazza veneziana piena di vita, forza, amore. Venezia la ricorderà mercoledì sera in piazza San Marco. Venezia che fu per secoli il simbolo di integrazione fra Occidente e Oriente. Che nelle sue pietre porta questo incontro.

E’ stata la mamma di Valeria a darmi la forza per guardare avanti: le parole che questa donna ha detto alla Tv domenica non portavano odio. Ma amore. Per quella figlia che non solo era figlia, ma anche vera cittadina. Cittadina del mondo intero. Con il rispetto per il mondo intero.

Ha ragione la mamma di Valeria: restiamo umani.

CONDIVIDI
Macri Puricelli
Nata e cresciuta a Venezia, oggi vivo in mezzo ai campi trevigiani. Fra cani, gatti, tartarughe, tre cavalle e un'asina. Sono laureata in filosofia e faccio la giornalista da più di trent'anni fra quotidiani e web. Dal 2000 mi occupo della comunicazione on e offline di Cassa Padana Bcc e dallo stesso anno dirigo Popolis. Quanto al resto...ho marito, due figli e tanti tanti animali.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Esegui l'operazione aritmetica prima di inviare *