Cremona. Nella stupenda cornice del chiostro bramantesco della chiesa di S. Abbondio di Cremona e davanti ad un folto pubblico (oltre un centinaio i partecipanti rigorosamente prenotati) si è svolta qualche giorno fa la presentazione del poderoso e articolato volume “Elda Fezzi: una donna per l’arte”.

L’evento ha voluto costituire una ripresa delle attività della Società Storica Cremonese, promotrice dell’incontro e responsabile della pubblicazione, e nel contempo il primo incontro culturale pubblico dopo la pandemia.A fare gli onori di casa la presidente della Società Storica Cremonese, attorniata dagli autori e dal prof. Mauro Corradini, critico d’arte e amico della Fezzi. Il prof. Corradini nel suo breve ma intenso intervento ha sottolineato i punti fondamentali dei vari saggi presenti nel volume complimentandosi per lo sforzo soprattutto per la regestazione dei 250 articoli che Elda Fezzi pubblicò sul quotidiano La Provincia dal 1956 al 1988 (anno della morte) e che avevano il merito di aiutare la piccola e rinchiusa città a volare alto, a guardare ciò che avveniva nel mondo dell’arte. Sguardo che la Fezzi concretizzò soprattutto nel sostenere la nascita di numerose gallerie d’arte e nel sostegno a molti artisti.

A significare il valore dell’incontro il pubblico non composto solo dai soci della Società ma da tutte quelle persone che l’hanno conosciuta e l’hanno avuta come stimata e apprezzata insegnante.

Un incontro sentito anche da parte dell’Amministrazione Comunale di Cremona presente con il sindaco, Gianluca Galimberti, gli assessori Luca Burgazzi, Barbara Manfredini, Rosita Viola e Rodolfo Bona (anche come autore del saggio sul Premio Cremona).

La presidente, dopo il saluto del Sindaco, nel cedere la parola a Fabio Tambani, accompagnato da Adriana Galetti, in rappresentanza di Cassa Padana sponsor dell’iniziativa e della pubblicazione ha voluto sottolineare la vicinanza, ormai decennale, di Cassa Padana alle importanti e significative attività della Società Storica Cremonese.

“Elda Fezzi: una donna per l’arte”
Gli autori: Tiziana Cordari, Liliana Ruggeri, Mariella Morandi, Anna Maccabelli, Donatella Migliore, Mariarosa Ferrari Romanini, Rodolfo Bona, Raffaella Barbiero, Angela Bellardi, Roberta Bonvocini.

Valerio Gardoni
Giornalista, fotoreporter, inviato, nato a Orzinuovi, Brescia, oggi vive in un cascinale in riva al fiume Oglio. Guida fluviale, istruttore e formatore di canoa, alpinista, viaggia a piedi, in bicicletta, in canoa o kayak. Ha partecipato a molte spedizioni internazionali discendendo fiumi nei cinque continenti. La fotografia è il “suo” mezzo per cogliere la misteriosa essenza della vita. Collabora con Operazione Mato Grosso, Mountain Wilderness, Emergency, AAZ Zanskar.

1 commento

Comments are closed.